San Raffaele Milano, Fabio Ciceri nominato direttore scientifico

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 5 ott. (Adnkronos Salute) - Fabio Ciceri è il nuovo direttore scientifico dell'Irccs ospedale San Raffaele di Milano. Nominato dal Consiglio di amministrazione, sostituisce Gianvito Martino, oggi prorettore alla Ricerca e alla Terza Missione dell'Università Vita-Salute San Raffaele. La nomina di Ciceri - riferisce una nota - esprime la mission traslazionale dell'Istituto che prevede un dialogo costante tra ricerca di base e ricerca clinica.

Ciceri, 56 anni, è primario delle Unità di Ematologia e Trapianto di midollo osseo, già vice direttore scientifico per la ricerca clinica dell'Istituto milanese, ordinario di Ematologia all'Università Vita-Salute San Raffaele, dove dirige la rispettiva Scuola di specializzazione, ed è presidente di 'Gitmo', il Gruppo italiano di trapianto midollo osseo. Ciceri - da sempre attivo in campo ematologico e oncoematologico, dove si occupa del trattamento di leucemie acute, neoplasie mieloproliferative e anemie - nel corso della sua carriera ha sviluppato competenze avanzate nel campo del trapianto di midollo, sia autologo che allogenico, per il trattamento dei tumori del sangue, dei tumori solidi e di malattie non neoplastiche come le patologie autoimmuni, neuroinfiammatorie ed emoglobinopatie.

La sua attività di ricerca in questo campo - prosegue la nota - ha contribuito a rendere possibile il trapianto da donatore aploidentico parzialmente compatibile in caso di tumori del sangue ad alto rischio, come la leucemia mieloide acuta. Questo tipo di trapianto permette di scegliere come donatore un familiare compatibile solo al 50%, come un genitore o un figlio, rendendo così il trapianto di midollo possibile nel 97% dei casi. Dal 1996 Ciceri dirige diversi protocolli di ricerca nel campo della medicina avanzata applicata all'ematologia, sia per il trattamento di malattie oncologiche - attraverso l'impiego di terapie cellulari come le recenti Car-T - sia non oncologiche, come la terapia genica per le malattie rare.

Il neo direttore scientifico è affiancato, nel ruolo di vicedirettore scientifico dell'Irccs ospedale San Raffaele, da Luca Guidotti, 59 anni, virologo patologo sperimentale di fama internazionale, da 8 anni vicedirettore della ricerca del San Raffaele dove è rientrato dopo aver passato più di 20 anni presso lo Scripps Research Institute di La Jolla in California. Le sue ricerche, finanziate soprattutto dai National Institutes of Health (Nih) americani e dall'European Research Council (Erc) europeo, sono state pubblicate sulle più prestigiose riviste scientifiche internazionali e sono servite allo sviluppo di diversi farmaci antivirali oggi in commercio.