Salutequità, 'per recupero liste d'attesa necessario più controllo intramoenia'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 28 mar. (Adnkronos Salute) - A distanza di circa 12 anni dall’approvazione dell’accordo Stato-Regioni 18 novembre 2010, secondo l’ultima relazione al Parlamento sullo stato di attuazione dell’esercizio dell’attività libero-professionale intramuraria dei medici, 5 Regioni non hanno ancora attivato l’Organismo paritetico regionale per la verifica del corretto svolgimento dell’intramoenia, la rilevazione dell’insorgenza di conflitto di interessi o di situazioni che implichino forme di concorrenza sleale, nonché per la definizione di eventuali misure sanzionatorie. Solo 11 Regioni hanno previsto la partecipazione delle organizzazioni rappresentative degli utenti. Sono 4 le Regioni che hanno riunito una sola volta l’organismo, mentre in 3 regioni è stato istituito solo a partire dagli anni 2020-2021.

Questi i dati sottolineati da Tonino Aceti, presidente di Salutequità. "Dopo 2 anni di pandemia, durante i quali sono saltati 1,3 milioni di ricoveri e 144 mln di prestazioni di specialistica ambulatoriale e un recupero delle liste di attesa da parte delle regioni che procede ancora troppo lento, il tema della governance, controllo e utilizzo etico dell’istituto dell’intramoenia assumono oggi un’importanza straordinaria", commenta.

Secondo Aceti, "per evitare una sanità di serie A e una di serie B, da una parte è necessario che le Regioni accelerino nel recupero delle cure mancate a causa del Covid-19 utilizzando bene e velocemente i 500 milioni stanziati con l’ultima legge di Bilancio, dall’altra serve un’azione di monitoraggio sempre più forte e di intervento, laddove serva, sull’intramoenia. Abbiamo molti dati sull’intramoenia ma ancora non è chiaro cosa accade concretamente nel momento in cui una Regione risulti inadempiente nel rispetto delle norme che la disciplinano".

"Non sappiamo, ad esempio - prosegue Aceti - dove e quante volte sia stata utilizzata la sospensione dell’intramoenia in caso di superamento del rapporto tra attività in libera professione e nel canale istituzionale, come pure in caso di sforamento dei tempi massimi di attesa previsti dalla Regione (come previsto dal Piano nazionale governo liste attesa 2019-2021). Il nuovo sistema di garanzia dei Lea non ha indicatori di monitoraggio sul corretto utilizzo dell’intramoenia da parte delle Regioni, come pure sono ancora troppo pochi quelli sul rispetto dei tempi massimi di attesa nel canale istituzionale".

Inoltre, "non ci sono dati pubblicati a livello nazionale sulle modalità di utilizzo del 5% del fatturato del professionista che viene trattenuto dalla Asl. È effettivamente sempre utilizzato per l’abbattimento delle liste di attesa così come prevedono le norme?", chiede Aceti sottolineando che "su tutto questo si gioca il rapporto di fiducia tra Ssn e cittadini, i quali difficilmente riuscirebbero ad accettare ancora una volta, come già accaduto nel 2020, una bassa velocità di recupero delle liste di attesa arretrate e quindi una necessità crescente sempre più obbligata, per chi potrà permetterselo, di utilizzare l’intramoenia o il privato per accedere alle cure necessarie".