SABCS 2021 — Trastuzumab-deruxtecan evidenzia risultati incoraggianti nel controllo delle metastasi cerebrali stabili nel tumore mammario metastatico HER2+

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi da ricordare

  • Un’analisi di sottogruppo dello studio di fase III DESTINY-Breasy03 ha evidenziato una sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) e un tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) coerenti quando le donne con tumore mammario metastatico HER2-positivo sono state trattate con trastuzumab deruxtecan (T-DXd) rispetto all’attuale standard di trattamento.
  • La terapia sembrava essere efficace nel controllare i tumori intracranici nelle pazienti con metastasi cerebrali stabili.

 

Perché è importante

  • Fino al 20% dei tumori mammari è classificato come HER2+.

 

Disegno dello studio

  • DESTINY-Breast03 è una sperimentazione clinica di fase III che valuta T-DXd rispetto a un controllo attivo in pazienti con tumore mammario metastatico HER2+ dopo trattamento iniziale con trastuzumab e un tassano.
  • Lo studio ha assegnato casualmente 524 pazienti precedentemente trattate a ricevere T-DXd a 5,4 mg/kg o T-DM1 a 3,6 mg/kg ogni 3 settimane.
  • L’endpoint primario, la sopravvivenza libera da progressione, è stato valutato mediante revisione centralizzata, condotta in cieco e in modo indipendente.
  • Finanziamento: Daiichi Sankyo, Inc. e AstraZeneca

 

Risultati principali

  • I risultati primari dello studio DESTINY-Breast03 hanno dimostrato che T-DXd è significativamente migliore rispetto a T-DM1 quando utilizzato dopo che la malattia di una paziente è progredita con trastuzumab e chemioterapia.
  • Il tasso di risposta obiettiva confermata era più di tre volte superiore nelle pazienti con metastasi cerebrali nel braccio sperimentale rispetto a quelle che ricevevano il trattamento standard.
  • La sopravvivenza libera da progressione mediana nelle pazienti con metastasi cerebrali era di 15 mesi nel braccio di trattamento con T-DXd rispetto a tre mesi nel braccio di trattamento standard.
  • Questi dati supportano che T-DXd divenga la terapia di seconda linea standard per la malattia metastatica, come recentemente raccomandato nelle nuove linee guida pubblicate dal National Comprehensive Cancer Network (NCCN).

 

Il commento degli esperti

“La maggiore efficacia osservata in DESTINY-Breast 03 nel sottogruppo di pazienti con metastasi cerebrali stabili al basale in questo studio è incoraggiante e potrebbe fornire un’altra opzione potenziale per le pazienti che hanno manifestato progressione della malattia con le terapie attualmente disponibili”. Sara A. Hurvitz, responsabile del Breast Cancer Clinical Research Program presso l'UCLA Jonsson Comprehensive Cancer Center.