SABCS 2021 — L’indice SET2,3 nel tumore mammario HR+ aumenta il valore prognostico del punteggio di recidiva mammaria Oncotype DX

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi da ricordare

  • In un’analisi dei dati di pazienti in post-menopausa con tumore mammario positivo per i recettori ormonali, una misura dell’espressione genica nota come indice di sensibilità alla terapia endocrina (sensitivity-to-endocrine-therapy, SET2,3) possiede un valore prognostico che ha integrato il valore prognostico noto del punteggio di recidiva mammaria basato su 21 geni.

 

Perché è importante

  • L’indice di sensibilità alla terapia endocrina (SET2,3) misura la trascrizione correlata al recettore ormonale non proliferativo (SETER/PR) corretta per un indice prognostico basale derivato dalle dimensioni del tumore, dai linfonodi coinvolti e da un sottotipo molecolare a 4 geni
  • È stato dimostrato che fornisce informazioni prognostiche indipendenti dalla risposta alla chemioterapia neoadiuvante.
  • Le pazienti della sperimentazione S8814 in post-menopausa con tumore mammario patologico con linfonodi positivi (N+) che era positivo per i recettori ormonali sono state randomizzate per ricevere chemioterapia adiuvante a base di antracicline (ciclofosfamide, doxorubicina, fluorouracile) seguita da terapia endocrina con tamoxifene per 5 anni (CAF-T) rispetto a tamoxifene in monoterapia (TAM).
  • Nello studio S1007 RxPONDER, i campioni biologici e i dati hanno suggerito che il test Oncotype DX Breast Recurrence Score (RS) basato su 21 geni potrebbe predire quali pazienti trarrebbero beneficio dalla chemioterapia e quali dalla sola terapia endocrina.

 

Disegno dello studio

  •  L’espressione dei 31 trascritti usati per SET2,3 è stata fornita da dati RNAseq di 283 tumori in S8814 (tutti precedentemente testati per RS).
  • I risultati di SET2,3 sono stati aggregati ai dati degli esiti. L’analisi ha valutato se SET2,3 fornisse ulteriori informazioni prognostiche a RS (complessivamente e nei pazienti con RS ≤25) per braccio di trattamento e se un basso SET2,3 fosse associato a un beneficio della chemioterapia.
  • I modelli dei rischi proporzionali di Cox della sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) includevano SET2,3; RS; braccio di trattamento; termine di interazione e rapporti di rischio (hazard ratio, HR) riportati e intervalli di confidenza al 95%.
  • Finanziamento: National Cancer Institute (NCI).

 

Risultati principali

  • SET2,3 ha aggiunto informazioni prognostiche indipendenti ai risultati RS nella sperimentazione S8814 per le pazienti con malattia N+ trattate con tamoxifene, sebbene non fosse predittivo di benefici della chemioterapia adiuvante.
  • Quando il risultato RS era ≤25, SET2,3 rimaneva prognostico in modo indipendente.
  • Le pazienti con tumore mammario N+ necessitano di ulteriori valutazioni di SET2,3.