Risultati promettenti per osimertinib nell’EGFR-NSCLC con LM

  • Yang JCH & al.
  • J Clin Oncol
  • 06/12/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Osimertinib ottiene buoni tassi di risposta obiettiva (objective response rate, ORR), con sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) promettente, nel tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) con mutazioni del recettore del fattore di crescita dell’epidermide (epidermal growth factor receptor-mutated, EGFRm) e metastasi leptomeningee (leptomeningeal metastasis, LM) trattato precedentemente.

Perché è importante

  • Attualmente non esistono terapie standardizzate per l’NSCLC EGFRm con LM.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 1, multicentrica, in aperto.
  • 41 pazienti affetti da NSCLC con mutazioni dell’EGFR e LM trattati precedentemente con inibitori tirosin-chinasici dell’EGFR hanno ricevuto 160 mg di osimertinib una volta al giorno.
  • Follow-up mediano di 9,9 mesi.
  • Finanziamento: AstraZeneca.

Risultati principali

  • È stato registrato un ORR clinicamente significativo nelle LM, ma l’ORR è risultato maggiore nella revisione centrale indipendente in cieco (blinded independent central review, BICR) neuroradiologica rispetto a quello ottenuto dallo sperimentatore (62% vs. 27%).
  • Anche il tasso di malattia stabile era clinicamente rilevante, ma differiva nella valutazione dei revisori (61% secondo lo sperimentatore vs. 32% in base alla BICR).
  • La durata mediana della risposta nelle LM era di 15,2 mesi secondo la BICR e di 18,9 mesi secondo lo sperimentatore.
  • La funzione neurologica è migliorata nel 57% dei pazienti con funzione neurologica anomala al basale.
  • La PFS mediana valutata dallo sperimentatore era di 8,6 mesi, con il 42% dei pazienti liberi da progressione a 12 mesi.
  • Il profilo di tollerabilità era simile a quello osservato negli studi precedenti su osimertinib.
  • Il 66% dei pazienti ha sviluppato eventi avversi di grado ≥3.

Limiti

  • Discrepanze nei risultati tra BICR e sperimentatore.