Risultati incoraggianti per la terapia neoadiuvante con durvalumab più SBRT in uno studio preliminare

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia neoadiuvante con durvalumab più radioterapia stereotassica corporea (stereotactic body radiotherapy, SBRT) ottiene risposte patologiche e radiografiche migliori rispetto alla terapia neoadiuvante con solo durvalumab nei pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) allo stadio iniziale resecabile.

Perché è importante

  • La terapia che combina immunoterapia e SBRT potrebbe essere preferibile rispetto alla combinazione che prevede immunoterapia e chemioterapia a dose piena oppure chemioradioterapia, sebbene siano necessari ulteriori studi.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2, randomizzata e controllata.
  • 60 pazienti affetti da NSCLC in stadio I-IIIa, idonei alla resezione chirurgica con intento curativo, hanno ricevuto terapia neoadiuvante con solo durvalumab (n=30) oppure terapia neoadiuvante con durvalumab più SBRT (n=30).
  • Finanziamento: AstraZeneca.

Risultati principali

  • È stato sottoposto a resezione chirurgica l’87% dei pazienti in ciascun gruppo.
  • I pazienti del gruppo in terapia combinata presentavano una probabilità significativamente maggiore di ottenere una risposta patologica maggiore (53,3% vs. 6,7%; OR=16,0; P<0,0001).
  • Questa probabilità è rimasta maggiore anche dopo correzione per l’espressione del ligando 1 della proteina di morte cellulare programmata (OR corretto [adjusted OR, aOR]=12,6; P=0,0024).
  • Per il gruppo in terapia combinata è stata inoltre riportata una risposta radiografica parziale migliore (46,7% vs. 3,3%; P=0,001).
  • Tutti i pazienti nel gruppo in monoterapia per i quali è stata riferita una risposta patologica maggiore presentavano carcinoma a cellule squamose.
  • Nei pazienti del gruppo in terapia combinata che hanno ottenuto una risposta patologica maggiore, per il 50% è stata riportata una risposta patologica completa.
  • L’incidenza di eventi avversi di grado 3-4 è stata del 20% con la terapia combinata e del 17% con la monoterapia. 
  • Quelli più comuni sono stati iponatriemia (10% nel gruppo in monoterapia) e iperlipasemia (10% nel gruppo in terapia combinata).

Limiti

  • Studio monocentrico, in aperto.