Risposta anticorpale dopo prima dose di vaccini anti Covid-19, a mRNA o a vettore virale, in pazienti dializzati

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Risposta anticorpale dopo prima dose di vaccini anti Covid-19, a mRNA o a vettore virale, in pazienti dializzati

Studio pilota multicentrico osservazionale prospettico

A cura della Dott.ssa Concetta Rafaniello

La strategia ancora in essere per fronteggiare la pandemia da Covid-19 è l’immunizzazione e ad oggi diversi vaccini, la maggior parte dei quali prevedono una dose di richiamo, sono stati approvati con un’efficacia riportata del 90-95% a completamento del ciclo vaccinale, ovvero dopo la II dose. I pazienti dializzati rappresentano una sottopopolazione a rischio di Covid-19 e di morte, tuttavia, tali soggetti non sono stati inclusi negli studi clinici registrativi. Studi osservazionali, anche se di piccole dimensioni, hanno dimostrato una risposta immunologica sufficiente diverse settimane dopo l’inoculazione della II dose del vaccino a mRNA; tuttavia, ad oggi non vi sono ancora studi di confronto tra la I dose dei vaccini ad mRNA con quelli a vettore virale in termini di risposta del sistema immunitario nei soggetti in emodialisi.

Obiettivo del presente studio pilota è stato, dunque, verificare la risposta anticorpale da I dose di vaccini ad mRNA e quelli a vettore virale in pazienti emodializzati rispetto a quella osservata in pazienti sottoposti a dialisi peritoneale, operatori sanitari sani e pazienti emodializzati non vaccinati con precedente infezione da Sars-CoV-2.

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale