Rischio ridotto di cancro della pelle dopo chirurgia bariatrica


  • Alessia De Chiara
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nei pazienti con obesità, la chirurgia bariatrica è associata a una riduzione dell'incidenza di tumori della pelle (combinazione di carcinoma a cellule squamose e melanoma) e del melanoma rispetto ad altri trattamenti per la perdita di peso.
  • L'effetto della chirurgia non risulta associato all’indice di massa corporea (BMI) dei pazienti al basale, così come ad altri fattori, tra cui peso, livelli di insulina o creatina, pressione sanguigna o fumo.

Descrizione dello studio

  • Lo Swedish Obese Subjects (SOS) è uno studio continuo svolto presso 25 dipartimenti chirurgici e 480 centri sanitari primari in Svezia progettato per esaminare i risultati dopo la chirurgia bariatrica.
  • Tra il 1987 e il 2002 sono stati inclusi 2.007 pazienti con obesità sottoposti a chirurgia bariatrica: bypass gastrico (n=266), bendaggio gastrico (n=376) o gastroplastica verticale (n=1.365).
  • Nel gruppo controllo, 2.040 pazienti hanno ricevuto un trattamento abituale per l'obesità presso i centri sanitari primari.
  • I dati sull’incidenza di cancro, decesso o emigrazione sono stati ottenuti dal controllo incrociato del SOS con Swedish National Cancer Registry, Cause of Death Registry e Registry of the Total Population.
  • Outcome: incidenza di tumori della pelle (carcinoma a cellule squamose e melanoma) e melanoma.
  • Follow-up mediano: 18,1 anni.
  • Fonti di finanziamento: enti statunitensi e svedesi.

Risultati principali

  • Le informazioni su eventi di cancro erano disponibili per 4.042 partecipanti su 4.047 inclusi (età media [SD] 47,9 [6,1] anni; 2.867 [70,8%] donne).
  • La chirurgia bariatrica è stata associata a un rischio notevolmente ridotto di melanoma (subhazard ratio aggiustato 0,43; IC 95% 0,21-0,87; P=0,02) e di tumori della pelle in generale (subhazard ratio aggiustato 0,59; IC 95% 0,35-0,99; P=0,047).
  • La riduzione del rischio di cancro della pelle non è stata associata ai valori basali di BMI o peso, livelli di insulina, glucosio, lipidi o creatinina, diabete, pressione sanguigna, consumo di alcol o fumo.

Limiti dello studio

  • Studio non randomizzato, vista l’alta mortalità dopo chirurgia bariatrica negli anni ’80.
  • Lo studio non è stato designato per l’incidenza di tumori della pelle e melanoma.

Perché è importante

  • Nonostante l’obesità sia un fattore di rischio accertato per il cancro, il legame con il melanoma non è chiaro.
  • L’associazione della la chirurgia bariatrica, il trattamento più efficace per la perdita di peso negli obesi, con la riduzione dell’incidenza di cancro di questi pazienti era stata precedentemente riportata nello studio SOS, ma non era stato possibile trarre conclusioni in merito ai tumori della pelle.
  • Diversi meccanismi potrebbero spiegare l’associazione dell’obesità con il melanoma suggerita dai risultati dello studio, il quale può portare a una migliore comprensione di questo tumore e dei fattori di rischio evitabili.