Rischio emorragico nei pazienti in trattamento con clopidogrel sottoposti a polipectomia


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In questo studio non si è osservato un numero significativamente maggiore di emorragie intestinali nei pazienti sottoposti a polipectomie durante colonscopia che avevano proseguito la terapia antiaggregante con clopidogrel rispetto a quelli che lo avevano sospeso come prevedono le linee guida.

Descrizione dello studio

  • Trial randomizzato e controllato in doppio cieco su 387 pazienti di Hong Kong in terapia con clopidogrel per patologia cardiovascolare che dovevano essere sottoposti a colonscopia elettiva.
  • Una settimana prima dell’esame a tutti è stato chiesto di sospendere l’antiaggregante, dopodiché sono stati randomizzati 1:1 a ricevere di nuovo il farmaco (gruppo C) o un placebo (gruppo P) fino alla mattina dell’esame.
  • Outcome primario: emorragia intestinale ritardata post polipectomia fino a 30 giorni dalla colonscopia, tale da richiedere ricovero o intervento.
  • Outcome secondari: emorragia intestinale immediata post polipectomia ed eventi ischemici cardiaci fino a 6 mesi dopo la colonscopia.

Risultati principali

  • Polipectomie sono state eseguite in 216 pazienti (106 nel gruppo C e 110 nel gruppo P).
  • Incidenza cumulativa di emorragie ritardate post polipectomia = 3,8 (IC 95% 1,4-9,7) nel gruppo C vs 3,6 (IC 95% 1,4-9,4) nel gruppo P (P=0,945).
  • Incidenza di emorragie immediate dopo polipectomie: 8,5% vs 5,5% (P=0,380) 
  • Incidenza di eventi ischemici cardiaci: 1,5% vs 2% (P=0,713).

Limiti

  • Il numero dei partecipati al trial è basso.

Perché è importante

  • Le linee guida raccomandano la sospensione della terapia antiaggregante almeno 7 giorni prima di una polipectomia, ma questa raccomandazione non è sostenuta da prove solide.
  • Sospendere la terapia antiaggregante può esporre i pazienti a un rischio cardiovascolare significativo, per cui è importante sapere che evitare questo provvedimento non aumenta in maniera significativa il rischio di emorragia intestinale.