Rischio di tumore e di mortalità specifica per tumore dei pazienti con IBS

  • Wu S & al.
  • Am J Gastroenterol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La presenza di sindrome dell’intestino irritabile (irritable bowel syndrome, IBS) non aumenta il rischio complessivo di sviluppare un tumore.
  • L’IBS è associata a un rischio inferiore di tumore colorettale (colorectal cancer, CRC) incidente e di mortalità specifica per tumore.

Perché è importante

  • I risultati rassicurano i pazienti con IBS che è improbabile che il disturbo progredisca a CRC e non ridurrà le loro aspettative di vita a causa di un tumore.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, prospettico di 449.595 partecipanti (età di 37–73 anni) senza malattia infiammatoria intestinale (inflammatory bowel disease, IBD), celiachia e qualsiasi tumore identificato del database UK Biobank (periodo 2006–2010).
  • Esito primario: incidenza complessiva di tumori e mortalità specifica per tumore.
  • Esiti secondari: tumori specifici per sede e tipi di tumori dell’apparato digerente.
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation of China.

Risultati principali

  • Il gruppo con IBS ha evidenziato, rispetto al gruppo senza IBS (HR corretto [adjusted HR, aHR]; IC al 95%):
    • nessun aumento del rischio complessivo di tumore (0,97; 0,93–1,00; P=0,062) e
    • un rischio inferiore di mortalità specifica per tumore (0,83; 0,76–0,91; P<0,001).
  • L’IBS è risultata associata a un rischio inferiore di tumori dell’apparato digerente (aHR=0,79; IC 95%, 0,71–0,89; P<0,001), specialmente tumori del colon (aHR=0,75; IC 95%, 0,62–0,90; P=0,003), CRC (aHR=0,73; IC 95%, 0,62–0,86; P<0,001) e tumore rettale (aHR=0,68; IC 95%, 0,49–0,93; P=0,017).
  • L’IBS non ha evidenziato un effetto significativo su altri tipi di tumori dell’apparato digerente (P>0,05).

Limiti

  • Rischio di confondimento residuo.