Rischio di sindrome serotoninergica associata a trattamento con oppioidi

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Rischio di sindrome serotoninergica associata a trattamento con oppioidi

Autorità regolatoria neozelandese (Bollettino – Settembre 2022)

A cura di Alessandra Russo. Specialista in Tossicologia Medica. Messina

Nel Bollettino dell’autorità regolatoria neozelandese, pubblicato nel Settembre 2022, è stato riportato un avviso relativo al possibile rischio di sindrome serotoninergica associata a trattamento con oppioidi quando utilizzati in associazione a farmaci serotoninergici.

La Commissione neozelandese sulle Reazioni Avverse da Farmaci (Medicines Adverse Reactions Committee, MARC) ha analizzato il rischio di sindrome serotoninergica associata ad uso concomitante di oppioidi e farmaci serotoninergici.

I segni e i sintomi della sindrome serotoninergica variano da lievi a pericolosi per la vita e includono diarrea, sudorazione, agitazione, tremori, ipertensione, ipertermia, tachicardia, iperreflessia e movimenti muscolari involontari.

I farmaci a base di petidina, tramadolo e destrometorfano sono oppioidi con un elevato rischio di determinare l’insorgenza di una sindrome serotoninergica quando sono utilizzati in concomitanza a farmaci serotoninergici

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina