Rischio di sanguinamento gastrointestinale con aspirinetta dopo trattamento per Helicobacter pylori


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nei pazienti trattati per l’eradicazione dell’infezione da Helicobacter pylori, l’uso di aspirina a basse dosi aumenta il rischio di emorragie gastro-intestinali (GIB), sia del tratto superiore (UGIB) che inferiore (LGIB).
  • Il rischio di GIB è maggiore in coloro che iniziano l’aspirina dopo la terapia per l’eradicazione dell’infezione, rispetto agli utilizzatori cronici.
  • Il maggior rischio di UGIB diminuisce dopo 6 mesi l’inizio della terapia con aspirina, mentre quello di LGIB, che rappresenta il tipo di emorragia più frequente, resta alto.

Descrizione dello studio

  • I pazienti che hanno ricevuto una tripla terapia a base di claritromicina per l’eradicazione di H. pylori (2003-2012) sono stati identificati dal Clinical Data Analysis and Reporting System (CDARS) dell’Hong Kong Hospital Authority.
  • Partecipanti divisi in 3 gruppi: nuovi utilizzatori (n=6.985, uso di aspirina iniziato dopo la terapia eradicante e nessun uso nei 2 anni precedenti), utilizzatori cronici (n=5.545, uso di aspirina prima e dopo l’eradicazione), non utilizzatori (n=48.908).
  • Outcome primario: incidenza di ricovero ospedaliero per GIB, rischio di GIB tra gli utilizzatori nuovi e cronici. 

Risultati principali

  • Follow-up: nuovi utilizzatori 1,48 (IQR 0,42-3,74) anni, utilizzatori cronici 4,09 (IQR 1,27-6,99) anni, non utilizzatori 7,68 (IQR 5,29-10) anni (P
  • L’incidenza di ricovero ospedaliero per GIB, aggiustata per età e sesso, era 10,4 (IC 95% 7,9 a 66,4), 7,2 (IC 95% 6,3 a 157,7) e 4,6 (IC 95% 4,4 a 4,9) per 1000 anni-persona, per gli utilizzatori nuovi, cronici e i non utilizzatori, rispettivamente.
  • Tra tutte le emorragie, il 34,7% era UGIB e il 45,3% LGIB.
  • I nuovi utilizzatori avevano un rischio maggiore rispetto a quelli cronici (HR con corrispondenza del punteggio di propensione: 1,89; IC 95% 1,29 a 2,70).
  • Nell’analisi di landmark, l’aumento di rischio nei nuovi utilizzatori era significativamente più alto solo nei primi 6 mesi per tutte le GIB (HR 2,10; IC 95% 1,41 a 3,13) e per le UGIB (HR 2,52; IC 95% 1,38 a 4,60). Al contrario, il rischio di LGIB non diminuiva con il tempo.

Limiti dello studio

  • Non era conosciuto lo stato di H. pylori dopo terapia eradicante e non è stato studiato il suo effetto sul rischio di GIB e la sua interazione con l’aspirina.
  • Mancanza di un gruppo senza l’infezione.
  • Follow-up diverso tra i gruppi.
  • Si sono considerate le prescrizioni e la dispensazione di aspirina, ma non l’aderenza.
  • Presenza di confondenti residui.

Perché è importante

  • L’infezione da H. pylori e l’uso di aspirina a basse dosi sono fattori di rischio per le GIB, una della cause più comuni di ricovero ospedaliero e visita di urgenza che determina un sostanziale onere economico per sistema sanitario.
  • L’eradicazione dell’infezione da H. pylori riduce il rischio di UGIB nei pazienti che iniziano l’uso l’aspirina, ma non di quello di LGIB.
  • Non era chiaro il rischio a lungo termine di GIB tra gli utilizzatori di aspirina che hanno eradicato l’H. pylori.