Rischio di recidiva e sopravvivenza nell’NSCLC allo stadio iniziale EGFR+ sottoposto a resezione

  • Saw SPL & al.
  • JAMA Netw Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti affetti da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) allo stadio iniziale positivo per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide (epidermal growth factor receptor positive, EGFR+) presentano alti tassi di recidiva, ma la sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) a 5 anni dei pazienti con malattia in stadio IB–IIIA è sorprendentemente alta, pari al 37%.
  • Il sottotipo micropapillare e alterazioni dei geni CTNNB1 e RHPN2 sono associati a un maggior rischio di recidiva, mentre il rischio di recidiva è inferiore in caso di perdita del numero di copie di RB1.

Perché è importante

  • La più ampia coorte fino ad oggi di pazienti affetti da NSCLC EGFR+ allo stadio iniziale, assemblata prima dell’introduzione di osimertinib.

Disegno dello studio

  • Coorte retrospettiva (n=723) presso un centro specializzato di Singapore di pazienti affetti da NSCLC in stadio IA–IIIA EGFR+ e con EGFR wild-type sottoposto a resezione (periodo 2010–2018).
  • In 86 pazienti con tumori EGFR+ è stato effettuato il sequenziamento dell’intero esoma per identificare le caratteristiche molecolari del tumore associate alla recidiva.
  • Finanziamento: Singapore National Medical Research Council; altri.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 46 mesi.
  • La DFS a 2 anni nell’NSCLC EGFR+ è risultata dell’81% per lo stadio IA, del 78% per lo stadio IB, del 57% per lo stadio II e del 47% per lo stadio IIIA.
  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 5 anni è risultata migliore per i tumori EGFR+ rispetto alla malattia EGFR (77,7% vs. 66,6%; P=0,004).
  • La DFS a 5 anni dei pazienti con tumori EGFR+ in stadio IB–IIIA è risultata del 37,2% (IC 95%, 30,1%–44,3%).
  • Secondo un’analisi esplorativa, il sottotipo micropapillare e alterazioni dei geni CTNNB1 e RHPN2 sono associati a un rischio maggiore di recidiva, mentre il rischio di recidiva è risultato inferiore in caso di perdita del numero di copie di RB1.

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.