Rischio di ipomotilita' gastrointestinale in pazienti trattati con clozapina

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Rischio di ipomotilita' gastrointestinale in pazienti trattati con clozapina

Autorita' regolatoria australiana del 22 aprile 2022

L’Autorità regolatoria australiana (Therapeutic Goods Administration, TGA) ha pubblicato un avviso relativo al rischio di ipomotilità gastrointestinale che si può verificare in pazienti trattati con clozapina.
La clozapina è risultata associata ad effetti avversi gastrointestinali come l’ostruzione intestinale, la stipsi e l’ipomotilità gastrointestinale.
Le possibili complicanze dell’ipomotilità gastrointestinale includono l’ostruzione intestinale, il megacolon, l’ileo paralitico, l’ischemia e l’infarto intestinale. Tali complicanze possono richiedere l’ospedalizzazione, la necessità di un intervento chirurgico e avere un esito fatale

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina