Rischio aumentato di tromboembolismo venoso nel tumore prostatico

  • Balabanova Y & al.
  • BMJ Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti affetti da tumore prostatico presentano un rischio di tromboembolismo venoso (TEV) superiore del 47% rispetto ai soggetti appaiati senza tumore, dopo 5 anni.

Perché è importante

  • I medici devono monitorare i pazienti per consentire una diagnosi e un trattamento tempestivi.

Disegno dello studio

  • Studio di 92.105 uomini affetti da tumore prostatico appaiati in rapporto 1:5 con 466.241 uomini senza tumore prostatico (coorte di controllo).
  • Esito primario: incidenza cumulativa grezza di TEV.
  • Finanziamento: Bayer AG.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 4,5 anni.
  • Il rapporto delle incidenze cumulative grezze è diminuito da 2,53 dopo 6 mesi a 1,59 dopo 5 anni di follow-up.
  • I tassi di incidenza grezzi per 1.000 anni-persona sono risultati 6,54 negli uomini affetti da tumore prostatico e 4,27 nella coorte di controllo.
    • La differenza nel rischio assoluto è risultata di 2,27 per 1.000 anni-persona.
  • I pazienti affetti da tumore prostatico hanno evidenziato un rischio maggiore di:
    • TEV, aHR=1,47 (IC 95%, 1,41–1,53);
    • embolia polmonare, aHR=1,48 (IC al 95%, 1,39–1,57);
    • trombosi venosa profonda, aHR=1,47 (IC 95%, 1,39–1,56).

Limiti

  • Le diagnosi di TEV non sono state convalidate.