Ricoveri Covid in aumento, media nazionale sale al 16%

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 5 apr. (Adnkronos Salute) - In aumento in Italia l'occupazione dei posti letto, da parte di pazienti Covid, nei reparti ospedalieri di 'area non critica'. Nelle 24 ore, la media nazionale è salita di 1 punto percentuale, raggiungendo il 16% - secondo i dati dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) aggiornati a ieri sera - dopo che per 7 giorni (dal 28 marzo) il tasso si era stabilizzato sul 15%. Dai dati Agenas emerge inoltre che il 4 aprile dello scorso anno la percentuale era al 43%.

Nel dettaglio, sono 7 le regioni che vedono aumentare i ricoveri Covid nelle 24 ore: la Calabria con +2 punti percentuali si attesta al 34%; salgono invece di 1 punto percentuale l'Emilia Romagna (al 14%), la Lombardia (11%), le Marche (24%), la Sicilia (27%) e la Toscana (18%), mentre la Valle d'Aosta registra un incremento di 4 punti percentuali raggiungendo il 17%. Al momento la regione con il tasso di occupazione più alto è l'Umbria (40%), seguita da Calabria (34%), Basilicata (26%), Sicilia (27%), Marche (24%), Puglia (23%), Abruzzo (22%). Tutte le altre sono sotto la soglia del 20%.

L'occupazione media a livello nazionale delle terapie intensive, invece, è stabile da settimane al 5% (un anno fa, il 4 aprile 2021 segnava il 41%), con la percentuale più alta in Sardegna (12%) seguita dalla Calabria (10%), mentre in tutte le altre regioni/province autonome il dato percentuale è a una cifra.