Ricercatori rilevano microRNA biomarcatori dell’HCC nella saliva

  • Mariam A & al.
  • PeerJ

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio ha rilevato per la prima volta microRNA (miRNA) segnali del carcinoma epatocellulare (hepatocellular carcinoma, HCC) nella saliva.
  • I miRNA potrebbero potenzialmente rappresentare un’alternativa non invasiva o un ausilio ai metodi di rilevazione attuali, come l’ecografia e il biomarcatore ematico alfa-fetoproteina.

Perché è importante

  • I miRNA salivari si sono dimostrati in passato promettenti biomarcatori non invasivi di altri tumori, compresi quelli mammari, orali e polmonari.

Disegno dello studio

  • Ricercatori della Cleveland Clinic hanno effettuato il sequenziamento dei piccoli RNA in 20 pazienti affetti da HCC e hanno confrontato i risultati con quelli di 19 pazienti con cirrosi.
  • Finanziamento: contributi dei National Institutes of Health.

Risultati principali

  • Il sequenziamento ha identificato 4.565 miRNA precursori e maturi nella saliva, 365 dei quali differivano significativamente tra pazienti affetti da HCC e pazienti con cirrosi (tasso di false scoperte, P<0,05).
  • 283 di questi miRNA sono risultati significativamente sottoregolati nei pazienti affetti da HCC.
  • Utilizzando l’apprendimento automatico, è stata identificata una combinazione di 10 miRNA e covariate in grado di classificare accuratamente i pazienti affetti da HCC (area sotto la curva, 0,87).

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni.