Resezione dell’NSCLC: il rischio di recidiva non è più elevato in caso di anamnesi di pregresso tumore

  • Nakao K & al.
  • Ann Thorac Surg
  • 14/08/2019

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Avere un’anamnesi di tumore maligno extratoracico non aumenta il rischio di recidiva dopo la resezione chirurgica del tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC).

Perché è importante

  • Esistono pochi dati sugli esiti in questa popolazione di pazienti e manca un consenso tra i medici su quando queste resezioni sono appropriate.

Disegno dello studio

  • 878 pazienti sono stati sottoposti a resezione polmonare con intento curativo per NSCLC in stadio I–III.
  • Follow-up mediano dopo la resezione di 7,55 anni.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Il 22,3% dei pazienti aveva un’anamnesi di pregresso trattamento di neoplasia maligna extratoracica.
  • L’NSCLC in stadio I era più comune nei pazienti con un pregresso tumore maligno (96,4% vs. 74,2%; P
  • I pazienti con pregresso tumore maligno presentavano una sopravvivenza libera da recidiva (recurrence-free survival, RFS) a 5 anni migliore rispetto a quelli senza in tutti i gruppi di pazienti (79,8% vs. 69,6%; P=0,008).
  • I pazienti con NSCLC in stadio I e pregressi tumori maligni hanno ottenuto una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 5 anni peggiore (88,5% vs. 79,9%; P
  • Secondo l’analisi multivariabile le pregresse neoplasie maligne extratoraciche erano associate a una prognosi, ma non a una RFS, peggiore (aHR: 2,09; P

Limiti

  • Studio retrospettivo, monocentrico.