Report Fiaso, 'risale curva ricoveri ordinari dopo 7 settimane, +10%'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 mar. (Adnkronos Salute)() - Risale, dopo sette settimane di costante discesa, la curva dei ricoveri ordinari di pazienti Covid. Nell’ultima settimana il numero dei ricoverati in aree Covid è cresciuto del 10,7%. L’incidenza maggiore con un +15% la fanno segnare sud e isole. Registra invece un calo del 20,7% il numero dei pazienti Covid nelle terapie intensive. E' quanto emerge dalla rilevazione negli ospedali sentinella della Fiaso, la Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere, del 22 marzo. I ricoveri, in discesa dal primo febbraio, avevano registrato la scorsa settimana ancora un complessivo calo del 5,2%.

Negli ospedali il numero dei ricoverati 'con Covid' nei reparti ordinari, supera il numero dei pazienti arrivati in ospedale con sindrome respiratoria, quindi dei pazienti ricoverati 'per Covid'. Il 54% degli attuali ricoverati nei reparti ordinari in area medica è arrivato in ospedale 'con Covid', ovvero per curare altre patologie ma è stato trovato incidentalmente positivo al virus grazie al tampone pre-ricovero. Il 46% sono ricoveri 'per Covid', strettamente legati agli effetti della malattia da Coronavirus, che comunque registrano una crescita nell’ultima settimana del 11%.

In terapia intensiva la riduzione in una settimana è stata del 20,3%. Dei pazienti in rianimazione il 72% non è vaccinato o non ha completato il ciclo vaccinale. L’età media dei non vaccinati rimane più bassa rispetto ai vaccinati. L’età minima dei ricoverati tra i vaccinati è di 50 anni, tra i non vaccinati il paziente più giovane ha 36 anni.

"Questa costante diminuzione - commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore - è una conferma di come la vaccinazione protegga dalle forme gravi del Covid. È importante anche sottolineare che il 70% dei pazienti in rianimazione presenta altre gravi patologie pregresse. Per questi pazienti con fragilità è quanto mai necessario completare il ciclo di vaccinazione o sottoporsi se indicato alla quarta dose".