Report Fiaso, ricoveri giù del 16%, -23,8% in terapia intensiva

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 9 mar. (Adnkronos Salute) - I ricoveri per Covid-19 scendono ancora del 16,2% in una settimana, mentre nelle terapie intensive la riduzione è pari al 23,8%. E' quanto emerge dalla rilevazione negli ospedali sentinella della Federazione italiana Aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso) dell’8 marzo. La curva delle ospedalizzazioni, che ha cominciato a flettere dal 1° febbraio - dettaglia Fiaso - aveva fatto registrato il 1° marzo il calo più netto della quarta ondata pari al 21,6%.

Negli ospedali del Nord la discesa dei ricoveri nell’ultima settimana è stata pari al 15% mentre al Sud e nelle isole la curva si è piegata del 19%. Nelle strutture del Centro i pazienti si sono ridotti del 14%. E ancora - sottolinea Fiaso - per la prima volta nei reparti ordinari il numero dei pazienti ricoverati 'per' Covid e quello dei ricoverati 'con' Covid è uguale: i posti letto nelle aree Covid per il 50% sono occupati da malati con sindromi respiratorie e polmonari tipiche del Covid e per l’altro 50% sono occupati da pazienti arrivati in ospedale per curare altre patologie e risultati positivi al tampone pre-ricovero.

Tra i ricoverati 'per' Covid e 'con' Covid nei reparti ordinari permane una significativa differenza relativa allo stato vaccinale: i pazienti 'con' Covid non vaccinati sono solo il 20% mentre i pazienti 'per' Covid no vax sono quasi il doppio, pari al 37%. Tra i soggetti vaccinati ricoverati 'per' Covid, inoltre, la metà risulta vaccinata da oltre 4 mesi e non ha dunque ricevuto il richiamo della terza dose.