Report Fiaso, non vaccinato 58% donne incinte positive al parto

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 10 feb. (Adnkronos Salute)() - Oltre una neomamma su due, positiva al momento del parto, non è vaccinata contro Sars-CoV-2. Lo riporta la rilevazione della Fiaso, la Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere, relativa al periodo 1-8 febbraio in 8 ospedali aderenti alla rete sentinella. "Tra le donne risultate positive al momento del parto, il 58% non era vaccinato. Nessuna per fortuna aveva sviluppato sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia da Covid. Uno dei neonati, tuttavia, è risultato positivo al virus Sars-CoV-2", precisa la Fiaso.

"E' stata analizzata, inoltre, la condizione vaccinale di tutte le partorienti, sia le donne positive al virus sia le donne senza infezione: la percentuale delle vaccinate era solo del 51%. Di contro, il 49% delle donne in attesa e in procinto di partorire non aveva ancora fatto la profilassi vaccinale contro il virus Sars-CoV-2", si legge nel report.

"Continua a essere preoccupante, nonostante i ripetuti appelli della comunità scientifica, la percentuale di donne incinte non ancora vaccinate: metà delle future mamme non si è sottoposta alla profilassi vaccinale. Questo - avverte Giovanni Migliore, presidente Fiaso - può rappresentare un problema anche dopo il parto perché i neonati, che sono particolarmente fragili, sono a rischio infezione e l'unica maniera per proteggerli è creare attorno a loro un ambiente sicuro, facendo in modo che i genitori, e più in generale chi se ne prende cura, siano vaccinati".