Report Fiaso, epidemia Covid persistente ma con forme meno severe

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 3 nov. (Adnkronos Salute) - In questa fase abbiamo "una epidemia persistente, ma di forme meno severe" di Covid. Lo sottolinea il report settimanale della Fiaso, la Federazione italiana delle aziende sanitarie e ospedaliere. "La curva dei ricoveri è piatta, con una sostanziale stabilità", evidenzia l'ultima rilevazione effettuata negli ospedali sentinella aderenti alla rete Fiaso. Nel report settimanale del 2 novembre "si registrano minime variazioni del numero dei pazienti ricoverati in ospedale, sia nei reparti ordinari sia nelle rianimazioni, pari allo 0,4% in più. Si tratta di uno scostamento poco significativo di poche unità", chiarisce il report. "Il piccolo aumento riguarda i pazienti ricoverati nei reparti Covid ordinari - si legge nella nota della Fiaso - mentre le terapie intensive, con una lieve diminuzione del numero di pazienti, restano a livelli bassi di occupazione".

"Attualmente il numero dei ricoverati 'per Covid', ovvero con sindromi respiratorie e polmonari, è pari al 43% del totale; i pazienti 'con Covid', invece, trovati incidentalmente positivi al tampone pre-ricovero ma in ospedale per curare altre patologie, sono la maggioranza e ammontano al 57%", sottolinea la Fiaso.

"Anche tra i pazienti minori di 18 anni, registrati nei quattro ospedali pediatrici e nei reparti di Pediatria degli ospedali aderenti alla rete sentinella Fiaso, si osserva una stabilità dei ricoveri. Ci sono piccole oscillazioni, ma il numero dei ricoverati è sempre molto limitato", conclude la nota.