Regione Marche, approvato Piano per 400 posti letto


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 9 mar. (AdnKronos Salute) - La Giunta regionale delle Marche ha approvato questa mattina il Piano regionale per la gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid 19: un piano che mette a disposizione oltre 400 posti letto, tra quelli già disponibili e quelli nuovi dedicati, divisi tra terapie intensive, semi intensive, degenze specialistiche e post critici.

Il documento definisce le strutture ospedaliere adeguate, o riorganizzate temporaneamente, per far fronte all'emergenza causata dal rapido diffondersi dei pazienti positivi al nuovo coronavirus. Al termine della fase straordinaria, l'assetto strutturale del Servizio sanitario regionale sarà ripristinato completamente. Eventuali tecnologie acquisite durante il periodo dell'emergenza rimarranno patrimonio delle strutture che se ne avvalgono. Le strutture, individuate dai direttori generali degli enti Ssr, consentiranno sia di ampliare la dotazione di posti letto dedicati di terapia intensiva e semi intensiva, sia di ampliare la dotazione dei posti letto di malattie infettive e di altri reparti internistici.

Per i pazienti positivi sono stati ampliati e dedicati i reparti presso le strutture negli ospedali di Camerino, Fermo, San Benedetto, Ascoli Piceno, Fossombrone, Chiaravalle, Aou Ospedali Riuniti di Ancona, Inrca e Marche Nord. Per quanto riguarda le strutture post critiche, il piano ne individua due in Asur (Fossombrone e Chiaravalle), una presso gli Ospedali riuniti di Ancona, una presso Inrca- Fermo. Il documento approvato esplicita, con maggiore accuratezza, i percorsi assistenziali per quanto riguarda i pazienti acuti e post acuti negli spostamenti tra i vari nosocomi. Le attività di virologia, inerenti l'emergenza Covid-19, fanno riferimento al Laboratorio dell'Aou ospedali Riuniti di Ancona, anche in considerazione del fatto che allo stesso è stato riconosciuto il 100% di affidabilità dall'Istituto superiore di sanità.