Regione Emilia R., sì a Istituto Ramazzini Irccs


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Bologna, 14 gen. (AdnKronos Salute) - L'Istituto Ramazzini di Bologna, fondato da Cesare Maltoni e impegnato da quarant'anni nella ricerca sul cancro e nella prevenzione oncologica, ha formalizzato alla Regione Emilia Romagna la proposta di riconoscimento di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs). "Vista la caratura dell'Istituto", la Regione ha ritenuto "opportuno accogliere l'istanza e avviare immediatamente l'attività istruttoria".

"L'Istituto Ramazzini rappresenta un'eccellenza nel campo della ricerca contro il cancro e nella prevenzione oncologica, con una straordinaria attività legata allo studio dei fattori ambientali e del lavoro - afferma il governatore Stefano Bonaccini - Ricevuta la proposta di riconoscimento in Irccs, abbiamo deciso di dare un segnale chiaro, accogliendola ufficialmente e avviando l'istruttoria. Ieri ne ho parlato anche col ministro della Salute, Roberto Speranza, presente in Emilia Romagna. Credo sia giusto che il sistema sanitario regionale pubblico allarghi il suo perimetro per includere un Istituto la cui attività è così importante, sia per la medicina che per le persone, che in tutti questi anni hanno imparato a conoscerlo, potendo usufruire di servizi di diagnosi disponibili a chiunque negli ambulatori di Bologna. Anche per garantire una stabilità ormai assolutamente necessaria. A decidere saranno la prossima Giunta e la prossima Assemblea legislativa - precisa il presidente - ma il mio auspicio è che, chiunque essi siano, possano portare avanti questa più che legittima richiesta. Noi intanto oggi apriamo un percorso che spero davvero possa essere positivo".

Dal punto di vista procedurale - spiegano dalla Regione - servirà il pronunciamento favorevole dell'Assemblea legislativa, dopodiché l'Istituto Ramazzini dovrà presentare un'ulteriore formale domanda di riconoscimento in Irccs alla Giunta che, dopo aver verificato i requisiti necessari, invierà la documentazione al ministero della Salute, che deciderà sul riconoscimento.

Il Ramazzini - ricorda una nota - è una realtà preziosa per i cittadini emiliano-romagnoli; in particolare per i residenti nella provincia di Bologna, dove si trovano i laboratori del centro di ricerca - attivi già dagli anni Settanta - ai quali è seguita, negli anni 2000, l'entrata in funzione dei poliambulatori per la diagnosi precoce dei tumori.

Gli Irccs rivestono grande importanza per lo sviluppo della programmazione sanitaria regionale, in quanto coniugano attività di ricerca, clinica e sperimentale, favorendo l'erogazione di prestazioni assistenziali di qualità e innovazione. Attualmente in Emilia Romagna, sono quattro: Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, Istituto delle scienze neurologiche di Bologna, Istituto in tecnologie avanzate e modelli assistenziali in oncologia di Reggio Emilia, Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori di Meldola. Per altre due realtà è in corso il percorso di riconoscimento.