Regione e pediatri Lazio, 'uniti per cure gratuite a bambini profughi'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 2 mar. (Adnkronos Salute) - La recente guerra tra Ucraina e Russia ha già causato numerose vittime e messo in fuga tantissime persone. Moltissimi sono i rifugiati che stanno arrivando anche in Italia e tra loro ci sono anche tanti bambini, spaventati e che porteranno per sempre con sé il ricordo delle bombe, della fuga, del freddo e della paura. I pediatri della Fimp Lazio insieme alla Regione Lazio-assessorato alla Sanità hanno deciso di offrire il proprio contributo garantendo assistenza sanitaria gratuita ai bambini rifugiati ucraini sia nel proprio studio che nei consultori delle Asl.

"Abbiamo deciso di mettere a disposizione l’hub di Stazione Termini per una prima accoglienza delle persone che stanno fuggendo dalla guerra, l’intero sistema sanitario è allertato ed è importante questa sinergia con i pediatri perché la maggioranza delle persone da assistere sono donne con bambini. Stiamo facendo tutto il possibile per offrire la migliore assistenza sanitaria possibile con un grande spirito di solidarietà", sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

E' stato creato un indirizzo di posta elettronica dedicato pediatri.ucraina@gmail.com, dove i pediatri interessati a offrire assistenza sanitaria gratuita ai bambini ucraini potranno comunicare i dati propri e dello studio. Creando un apposito elenco, i pediatri potranno essere contattati appena ce ne sarà bisogno. Per l'effettuazione delle prescrizioni di farmaci e/o prestazioni sarà creato un apposito codice Stp per l’assistenza sanitaria ai cittadini stranieri.