RCC: la risomministrazione dell’immunoterapia è fattibile in alcuni pazienti

  • Abou Alaiwi S & al.
  • J Immunother Cancer
  • 01/02/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il 50% dei pazienti con carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) metastatico sviluppa eventi avversi immuno-correlati (immune-related adverse event, irAE) in caso di ritrattamento (rechallenge) con immunoterapia dopo l’interruzione della terapia a causa di tossicità.
  • Tuttavia, questi irAE sono gestibili e non si osservano tossicità di grado 4/5 o decessi correlati al trattamento.

Perché è importante

  • Questi risultati possono rappresentare una guida per i medici sul ritrattamento con immunoterapia.
  • È necessaria ulteriore ricerca per identificare i pazienti che è probabile ottengano benefici in caso di ritrattamento.

Disegno dello studio

  • 80 pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico, trattati, che avevano sviluppato irAE con gli inibitori del checkpoint immunitario.
  • 36 pazienti sono stati trattati nuovamente con immunoterapia e 44 l’hanno interrotta definitivamente.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Un numero inferiore di pazienti ritrattati ha avuto bisogno di corticosteroidi (55,6% vs. 84,1%; P=0,007) ed è stato ricoverato (33,3% vs. 65,9%; P=0,007) per la gestione di irAE rispetto ai pazienti che hanno interrotto la terapia.
  • Il 50% dei pazienti ritrattati ha sviluppato successivi irAE (12 nuovi e 6 recidivanti; 7 eventi di grado 3; 13 interruzioni dell’assunzione del farmaco).
  • Tutti gli irAE osservati durante il ritrattamento erano di grado ≤3 senza eventi di grado 4/5.
  • Il tempo mediano alla recidiva degli irAE dopo il ritrattamento era di 2,8 mesi.
  • Nel gruppo che ha interrotto la terapia rispetto a quello trattato nuovamente:
    • il tasso di risposta complessiva era del 43% (IC 95%, 28%-59%) rispetto al 44% (28%-62%);
    • la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 2 anni era del 66% (48%-79%) rispetto al 76% (55%-88%).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.