RCC: i pazienti in stadio III con linfonodi positivi dovrebbero essere riclassificati?

  • Yu KJ & al.
  • Cancer
  • 01/10/2018

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Gli esiti in termini di sopravvivenza sono peggiori nei pazienti con carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) in stadio III con linfonodi positivi rispetto a quelli con linfonodi negativi e simili a quelli dei pazienti in stadio IV.
  • Il coinvolgimento dei linfonodi ha evidenziato una correlazione indipendente con una sopravvivenza peggiore nell’RCC in stadio III.

Perché è importante

  • Il manuale per la stadiazione dell’American Joint Committee on Cancer classifica l’RCC localmente avanzato, a prescindere dal coinvolgimento dei linfonodi, come stadio III.
  • I risultati suggeriscono che i pazienti con RCC in stadio III con linfonodi positivi potrebbero dover essere riclassificati.

Disegno dello studio

  • Lo studio ha valutato 912 pazienti con RCC durante il periodo 1993–2012.
  • Finanziamento: National Institutes of Health/National Cancer Institute; altri.

Risultati principali

  • Trecentoottantanove pazienti presentavano malattia in stadio III (274 con linfonodi negativi; 115 con linfonodi positivi) e 523 presentavano malattia in stadio IV.
  • I pazienti con RCC in stadio III con linfonodi positivi hanno evidenziato:
    • una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS; 2,4 vs. 10,2 anni; P
    • una OS (2,4 vs. 2,4 anni; P=0,62) e una CSS (2,8 vs. 2,4 anni P=0,10) mediane statisticamente simili rispetto alla malattia in stadio IV.
  • Nei pazienti in stadio III il grado del tumore e il coinvolgimento linfonodale erano associati a una OS (HR rispettivamente: 2,47 e 2,44; entrambi P

Limiti

  • Studio retrospettivo.