Raro tumore renale: la terapia di prima linea con cabozantinib ottiene risposta

  • Procopio G & al.
  • JAMA Oncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia di prima linea con cabozantinib ottiene una risposta promettente e presenta un profilo di sicurezza gestibile nei pazienti affetti da carcinoma del dotto collettore metastatico (metastatic collecting duct carcinoma, mCDC).

Perché è importante

  • L’mCDC è un raro tipo di carcinoma a cellule renali non a cellule chiare con prognosi infausta e per il quale non esistono trattamenti standard.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 2 BONSAI di 22 pazienti affetti da carcinoma a cellule renali del dotto collettore metastatico naïve al trattamento.
  • Finanziamento: Ipsen.

Risultati principali

  • Il tempo mediano alla censura è stato di 11 mesi.
  • Il tasso di risposta obiettiva (objective response rate, ORR) è stato del 35% (1 paziente ha ottenuto una risposta completa confermata).
  • Il tempo mediano all’ORR è stato di 2,5 mesi.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è stata di 4 mesi (IC 95%, 3–13 mesi) e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana di 7 mesi (IC 95%, 3–31 mesi).
  • Tutti i pazienti hanno sviluppato eventi avversi di grado 1–2; i più comuni sono stati fatica e anoressia.
  • Per il 17% dei pazienti è stata necessaria una riduzione della dose a 40 mg e il 17% dei pazienti ha dovuto sospendere temporaneamente il trattamento per gestire gli effetti tossici.

Limiti

  • Studio in aperto, a gruppo singolo.