Rapporto tra linfonodi positivi ed esaminati nella prognosi del carcinoma a cellule di Merkel


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nel carcinoma a cellule di Merkel (MCC), il rapporto tra i linfonodi positivi e il numero totale di linfonodi esaminati (LNR) è significativamente associato alla sopravvivenza a 3 e a 5 anni del paziente.
  • Quando l’LNR è elevato (oltre 0,31), la sopravvivenza si riduce drasticamente, ma migliora quando, dopo l’intervento chirurgico, il tumore è trattato con chemioradioterapia adiuvante invece che solo con radioterapia, un effetto che non si ha con LNR inferiori.

Descrizione dello studio

  • Analisi di pazienti con MCC presenti nel National Cancer Database (NCDB; 2004-2017; casi segnalati che rappresentano circa il 70% delle nuove diagnosi di tumore negli Stati Uniti) e nel registro Surveillance, Epidemiology, and End Results (SEER; 1973-2016, coorte basata sulla popolazione).
  • L'LNR è stato stratificato in quartili.
  • Outcome: sopravvivenza complessiva (NCDB), sopravvivenza specifica per malattia (SEER).
  • Fonti di finanziamento: Leon Rosenberg, Medical Student Research Fund in Genetics, Jane DanowskiWeiss Family Foundation Fellowship.

Risultati principali

  • Sono stati identificati 1.274 pazienti (736 in NCDB e 538 in SEER): età media 71,1 anni (SD 11,5).
  • La sopravvivenza a 3 e a 5 anni è stata di 68,7% (standard error 3,7%) e 58,9% (4,2%) per i pazienti con LNR0,31.
  • Dopo aver controllato i fattori clinici e tumorali, inclusa la classificazione secondo il Cancer Staging Manual dell’American Joint Committee on Cancer, l’LNR è stato associato significativamente alla sopravvivenza: i pazienti con LNR tra 0,07 e 0,31 (HR 1,37; IC 95% 1,03-1,81) e maggiore di 0,31 (HR 2,84; IC 95% 2,10-3,86) hanno avuto esiti peggiori che quelli con LNR minore di 0,07.
  • Dopo il trattamento chirurgico, nei pazienti con LNR maggiore di 0,31, la chemioradioterapia adiuvante ha portato a una migliore sopravvivenza rispetto alla sola radioterapia adiuvante (HR 0,61; IC 95% 0,38-0,97).
  • Questo risultato non è stato confermato nei pazienti con LNR di 0,31 o minore (HR 0,93; IC 95% 0,65-1,33).
  • L’analisi dei dati del SEER ha mostrato un’associazione simile tra l’LNR e la sopravvivenza specifica per malattia (P

Limiti dello studio

  • Le soglie di LNR potrebbero non essere applicabili a causa delle diverse tecniche chirurgiche.
  • Impossibilità di controllare alcune variabili, come l’esposizione al sole dei pazienti, o l’effetto di terapie immunomodulanti.
  • Mancanza di dati su ricorrenza locale.
  • Non è stato possibile determinare se i casi nel NCDB fossero anche presenti nel SEER.

Perché è importante

  • L’LNR è utilizzato come fattore prognostico in altri tipi di cancro.
  • Nel MCC, tumore della pelle con il più alto tasso di mortalità e la cui incidenza è in aumento, questo rapporto può essere un utile indicatore, insieme alla tradizionale stadiazione TNM (Tumor-Nodes-Metastasis), sia per la consulenza del paziente che per la pianificazione del trattamento dopo l'intervento chirurgico.