Radioterapia recettoriale iniziale per i tumori neuroendocrini enteropancreatici

  • Pusceddu S & al.
  • JAMA Netw Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nei pazienti affetti da tumori neuroendocrini enteropancreatici (enteropancreatic neuroendocrine tumor, ENT) che subiscono progressione della malattia durante il trattamento con analoghi della somatostatina (somatostatin analog, SSA), la radioterapia recettoriale (peptide receptor radionuclide therapy, PRRT) iniziale è associata a esiti in termini di sopravvivenza significativamente migliori rispetto a chemioterapia o terapia mirata iniziali.

Perché è importante

  • Manca ricerca sulle tempistiche ottimali per l’avvio della PRRT per ENT in stadio avanzato e ben differenziati.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, retrospettivo, multicentrico che ha analizzato le cartelle cliniche provenienti da 25 unità oncologiche italiane di adulti affetti da ENT di grado da 1 a 3, ben differenziato, non resecabile, localmente avanzato o metastatico, che avevano subito progressione della malattia durante il trattamento con SSA.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Su 508 partecipanti, 329 (64,8%) hanno ricevuto PRRT come terapia iniziale mentre 179 (35,2%) hanno ricevuto inizialmente chemioterapia o terapia mirata.
  • Nella coorte appaiata la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è stata di 2,2 anni (IC 95%. 1,8–2,8 anni) con PRRT iniziale rispetto a 0,6 anni (IC 95%, 0,4–1,0 anni) con chemioterapia o terapia mirata iniziale (HR=0,37; IC 95%, 0,27–0,51; P<0,001).
  • La PRRT iniziale è risultata associata a una PFS maggiore, a prescindere da stato funzionale del tumore, grado 1 o 2 e sede di origine del tumore.
  • L’associazione con una migliore PFS non è stata osservata nei pazienti con tumori di grado 3 (aHR=0,31; IC 95%, 0,12–1,37; P=0,13) o in quelli con un indice di proliferazione in base a Ki-67 >10% (aHR=0,73; IC 95%, 0,29–1,43; P=0,31).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.
  • Non sono stati inclusi dati sulla sicurezza.