Radioterapia per il tumore mammario: una sperimentazione svedese di 20 anni non riscontra alcun aumento della morbilità o della mortalità cardiaca

  • Int J Radiat Oncol Biol Phys

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un’analisi a 20 anni dello studio svedese SweBCG 91-RT sulla radioterapia nei tumori mammari allo stadio iniziale non evidenzia alcun aumento cumulativo della morbilità o della mortalità cardiaca. 
  • La mortalità da ictus risulta innalzata, probabilmente a causa di effetti avversi cardiaci secondari, complicanze del trattamento anticoagulante o del caso.

Perché è importante

  • I risultati dovrebbero essere rassicuranti, soprattutto perché l’attuale dose al cuore media di radioterapia è metà di quella utilizzata 20 anni fa.

Disegno dello studio

  • 1.187 pazienti con tumore mammario (stadio T1-2N0) sono state assegnate casualmente a radioterapia tangenziale dell’intera mammella o nessun ulteriore trattamento dopo la chirurgia conservativa della mammella.
  • Finanziamento: Skåne County Research Foundation; Swedish Breast Cancer Association; fondazione Fru Berta Kamprads.

Risultati principali

  • Nessuna differenza tra radioterapia e gruppi di controllo in termini di:
    • incidenza cumulativa di mortalità cardiaca,
      • 13,0% rispetto a 12,4% (P=0,8); 
    • ricoveri per cause cardiache,
      • 31,0% rispetto a 29,7% (P=0,7);
    • incidenza cumulativa di mortalità a causa di tumore polmonare, 
      • 2,6% rispetto a 1,6% (P=0,28); 
    • mortalità a causa di tumore mammario controlaterale,
      • 8,6% rispetto a 8,7% (P=0,9).
  • Il gruppo sottoposto a radioterapia ha evidenziato una mortalità cumulativa a causa di ictus maggiore:
    • 6,7% rispetto a 3,4% (P=0,018).
  • Nel gruppo sottoposto a radioterapia, la dose cardiaca mediana 20 anni fa era di 3,0 Gy (intervallo, 1,1-8,1 Gy), doppia rispetto a quella usata nel 2017 (1,5 Gy; intervallo, 0,4-6,0 Gy).

Limiti

  • Mancanza di informazioni su fattori di rischio cardiaco come fumo, diabete o obesità.