Radiofarmaci e team in rosa, per Ieo Milano missione 'teragnostica'


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 12 feb. (AdnKronos Salute) - Un parco macchine hi-tech sempre più fornito; un team medico tutto in rosa, composto da sole donne. Con queste armi la Divisione di Medicina nucleare dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano punta al "primato nazionale nella 'teragnostica': l'uso di molecole radiomarcate sia per la diagnosi che per la terapia dei tumori".

La teragnostica, spiegano dall'Irccs fondato da Umberto Veronesi, è "il concetto più innovativo in Medicina nucleare" e nella pratica clinica si compone di due fasi. Nella prima - la fase di diagnostica molecolare - vengono impiegate piccole quantità di sostanze radioattive che si posizionano selettivamente sulle cellule tumorali, rendendole ben visibili all'esame Pet (tomografia a emissione di positroni) e dunque definendo con precisione l'area colpita dal tumore. Nella seconda fase - terapeutica - quelle stesse sostanze, legate alle cellule malate, diventano bersagli per la terapia con molecole di radiofarmaco che le riconoscono e vanno a colpirle in modo mirato. Una volta posizionato, il radiofarmaco rilascia la sua carica radioattiva, distruggendo la cellula malata. Il radiofarmaco può anche essere la stessa molecola utilizzata con funzione diagnostica, ma che trasporta un isotopo diverso, con funzione terapeutica.

La Medicina nucleare Ieo, ricorda una nota, è stata "capostipite in Italia ed è leader internazionale nella teragnostica per il tumore neuroendocrino". Negli ultimi 20 anni in Istituto sono stati trattati in studi clinici circa 2 mila pazienti, contribuendo in maniera significativa a migliorare la prognosi e la qualità di vita. L'équipe di via Ripamonti è anche la prima a usare i radiofarmaci nei tumori del distretto stomaco-intestino-pancreas, e il prossimo bersaglio sarà il cancro alla prostata.

"Trattiamo 200 nuovi casi all'anno di tumori neuroendocrini e siamo centro di Centro di eccellenza Enets (European NeuroEndocrine Tumor Society) - afferma Chiara Grana, direttore della Divisione di Medicina nucleare - Inoltre, unici in Italia utilizziamo i radiofarmaci anche per guidare la mano del chirurgo che opera questi tumori quando colpiscono il tratto gastroenteropancreatico. In questo caso iniettiamo al paziente un radiofarmaco che si posiziona sul tumore e nell'immagine Pet traccia con estrema precisione l'area malata da asportare, con grandissimi vantaggi per il paziente che riceve un trattamento sicuro dal punto di visto oncologico, ma con la minore invasività possibile. La disponibilità di macchine Pet e Spect (tomografia a emissione di fotone singolo) di nuova generazione rende più precisa e accurata la diagnosi molecolare, consentendo di identificare lesioni sempre più piccole, che corrispondono a una malattia in fase sempre più precoce, con maggiori chance di guarigione".

"Ora la sfida è trovare nuovi target molecolari. Il nostro prossimo progetto di ricerca - annuncia Grana - riguarda la diagnosi del tumore della prostata in fase avanzata, per identificare la malattia a livello microscopico. Nella nostra Divisione i medici sono tutte donne e siamo tutte convinte che la teragnostica sia solo agli albori, e che le tecnologie avanzate di cui ora disponiamo sposteranno sempre più in là le frontiere di questa affascinante disciplina, permettendoci di curare in modo sempre più accurato e meno invasivo un maggior numero di pazienti".