Quarta dose del vaccino mRNA Comirnaty (BNT162b2) anti Covid-19 in un contesto nazionale

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Quarta dose del vaccino mRNA Comirnaty (BNT162b2) anti Covid-19 in un contesto nazionale

A cura del Dott. Giacomo Luci e del Prof. Antonello Di Paolo

La variante Omicron di Covid-19 identificata per la prima volta nel Novembre 2021 ha generato una larga ondata di infezioni anche nei Paesi con una grande copertura vaccinale.

I dati provenienti dal Sudafrica e conseguentemente dal Regno Unito suggeriscono che la variante Omicron ha una minor virulenza rispetto alla variante Delta, con un tasso più basso di ospedalizzazioni e malattia grave, anche se il gran numero di infezioni osservate in un breve periodo di tempo ha portato alla preoccupazione generale che le risorse sanitarie potessero essere nuovamente insufficienti

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina