Quanto valgono i programmi di sorveglianza per le lesioni pre-neoplastiche dello stomaco?


  • Cristina Ferrario - Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In pazienti olandesi e norvegesi con lesioni pre-neoplastiche, un programma di sorveglianza permette di identificare la malattia tumorale nelle sue fasi iniziali mantenendo molto basso il tasso di progressione.
  • La sola analisi istologica non è in grado di distinguere i soggetti ad alto rischio da quelli a basso rischio.
  • La stratificazione del rischio potrebbe essere migliorata attraverso l’utilizzo di marcatori sierologici di malattia in aggiunta al programma di sorveglianza endoscopica.

Descrizione dello studio

  • Nello studio sono stati coinvolti pazienti olandesi e norvegesi con precedente diagnosi di gastrite atrofica (GA), metaplasia intestinale (MI) o displasia.
  • A questi pazienti è stata offerta la possibilità di una sorveglianza endoscopica.
  • I campioni istologici sono stati valutati in base alla classificazione di Sydney aggiornata e al sistema operative link on gastric intestinal metaplasia (OLGIM).
  • Sono stati inoltre misurati i livelli sierici di pepsinogeni e gastrina-17.

Risultati principali

  • In totale, 279 pazienti di età media pari a 57,9 anni sono stati inclusi nello studio e si sono sottoposti ad almeno un controllo endoscopico nel corso di un periodo medio di follow-up di 57 mesi.
  • In 4 soggetti (1,4%) è stata effettuata diagnosi di adenoma/displasia di alto grado o neoplasia invasiva (tumore gastico) nel corso del follow-up.
  • Due di questi pazienti sono stati in seguito trattati con successo con dissezione endoscopica sub-mucosale, mentre gli altri due sono stato sottoposti a gastrectomia totale.
  • Rispetto ai pazienti con GA/MI estese (pepsinogeno I/II ≤3 e/o OGLIM stadio III-IV), quelli con AG/MI limitate (pepsinogeno I/II >3 e OlGLIM stadio 0-II) non hanno sviluppato adenoma/displasia di grado elevato o neoplasia invasiva durante il follow-up (p=0,02).

Limiti dello studio

  • La durata del follow up è limitata.
  • Solo pochi pazienti sono andati incontro a progressione neoplastica.

Perché è importante

  • Il tumore gastrico rappresenta un’importante causa di mortalità oncologica.
  • Il 70% dei casi si verifica nei paesi dell’Asia orientale, dell’Est Europa e del Sud America.
  • Le lesioni pre-maligne predispongono all’insorgenza di tumori gastrici e per questa ragione i pazienti che ne sono affetti sono sottoposti a programmi di follow up.
  • Restano ancora da migliorare i criteri per la stratificazione del rischio di questi pazienti.