Quale profilassi antimicotica per la leucemia mieloide acuta di bambini e giovani adulti?


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggio chiave

  • In uno studio randomizzato controllato condotto su bambini, adolescenti e giovani adulti con leucemia mieloide acuta (AML), la profilassi con caspofungina ha portato a un’incidenza significativamente più bassa delle infezioni fungine invasive rispetto alla profilassi con fluconazolo.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio open-label di fase 3 ha arruolato 517 pazienti di età compresa tra 3 mesi e 30 anni con AML (diagnosi de novo, recidiva o secondaria) in cura presso 115 centri degli USA e del Canada.
  • I partecipanti sono stati randomizzati (1:1) per ricevere caspofungina o fluconazolo.
  • La profilassi è stata somministrata durante la fase neutropenica dopo ogni ciclo di chemioterapia.
  • L’esito primario era un’infezione fungina invasiva provata o probabile (valutazione centralizzata in cieco).
  • Fonte di finanziamento: National Cancer Institute.

 

Risultati principali

  • Un’analisi di futilità non pianificata su 394 pazienti ha suggerito la futilità dello studio che è stato interrotto prima dell’arruolamento completo (550 pazienti).
  • Nei 508 pazienti che hanno completato lo studio, si sono verificate 23 infezioni fungine invasive (6 con caspofungina e 17 con fluconazolo).
  • L’incidenza cumulativa a 5 mesi di infezione fungina invasiva provata o probabile era 3,1% (IC 95% 1,3-7,0) nel gruppo caspofungina e 7,2% (4,4-11,8) nel gruppo fluconazolo (P=0,03).
  • L’incidenza cumulativa di aspergillosi invasiva provata o probabile era 0,5% (IC 95% 0,1-3,5) nel gruppo caspofungina e 3,1% (1,4-6,9) nel gruppo fluconazolo (P=0,046).
  • Non sono state riscontrate differenze statisticamente significative nella terapia antimicotica empirica (71,9% con caspofungina contro 69,5% con fluconazolo; P=0,78) o la sopravvivenza complessiva a 2 anni (68,8% con caspofungina contro 70,8% con fluconazolo; P=0,66).
  • Le tossicità più frequenti erano ipocaliemia (22 con caspofungina, 13 con fluconazolo), insufficienza respiratoria (6 con caspofungina, 9 con fluconazolo), livelli di alanina transaminasi elevati (4 con caspofungina, 8 con fluconazolo).

 

Limiti dello studio

  • La validità dei dati è limitata dal fatto che lo studio sia stato interrotto prematuramente perché un’analisi ad interim ne aveva suggerito la futilità.

 

Perché è importante

  • A causa della neutropenia indotta dalla chemioterapia, bambini, adolescenti e giovani adulti affetti da AML sono a rischio di infezioni fungine invasive, da lieviti o muffe, potenzialmente fatali.