Quale legame tra vaccinazione contro rotavirus e diabete di tipo 1?


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In uno studio retrospettivo statunitense la vaccinazione contro rotavirus non è risultata associata né a una riduzione né a un incremento del diabete di tipo 1 nei bambini.
  • La vaccinazione non previene l’insorgenza del diabete di tipo 1, ma i risultati sono rassicuranti e mostrano la sicurezza della somministrazione del vaccino in questa popolazione.

Descrizione dello studio

  • La valutazione retrospettiva ha coinvolto una coorte di 386.937 bambini in 7 organizzazioni sanitarie statunitensi del Vaccine Safety Datalink.
  • I bambini sono stati seguiti fino alla diagnosi di diabete, all’uscita dallo studio o al 31 dicembre 2017.
  • Sono stati creati 3 gruppi in base alla vaccinazione effettuata contro rotavirus nei bambini tra 2 e 8 mesi di età.
  • Gruppo 1: tutte le dosi raccomandate entro gli 8 mesi.
  • Gruppo 2: alcune ma non tutte le dosi raccomandate.
  • Gruppo 3: nessuna vaccinazione contro rotavirus.
  • La principale misura di esito era l’incidenza di diabete di tipo 1 in bambini di età compresa tra 8 mesi e 11 anni.
  • Fonte di finanziamento: Centers for Disease Control and Prevention.

Risultati principali

  • La maggior parte dei bambini inclusi nello studio apparteneva al gruppo 1 (93,1%), mentre il gruppo 2 e 3 comprendevano il 4,1% e il 2,8% della coorte, rispettivamente.
  • Con follow up mediano di 5,4 anni, sono stati identificati 464 casi di diabete di tipo 1, per un tasso di incidenza di 20,6 casi per 100.000 anni-persona.
  • Rispetto ai bambini non vaccinati l’hazard ratio aggiustato è stato di 1,03 (IC 95% 0,62-1,72) e 1,50 (IC 95% 0,81-2,77) per i bambini con vaccinazione completa e incompleta, rispettivamente.

Limiti dello studio

  • La maggior parte dei membri della coorte di studio non è stata seguita tra 10 e 14 anni, quando si verifica il picco di diabete di tipo 1.
  • Il gruppo di bambini non vaccinati era relativamente piccolo.

Perché è importante

  • Oltre alle caratteristiche genetiche anche diversi fattori ambientali, incluse alcune infezioni virali, possono avere un ruolo nello sviluppo del diabete di tipo 1.
  • In modelli murini l’infezione da rotavirus accelera lo sviluppo del diabete ed è quindi plausibile che anche un vaccino composto dal virus attenuato possa avere un effetto simile.
  • Dati precedenti suggerivano che la vaccinazione contro rotavirus potesse svolgere un ruolo protettivo.
  • È importante verificare questa ipotesi dal momento che la vaccinazione contro rotavirus è raccomandata nei nuovi nati in diversi paesi, inclusa l’Italia.