Quale dieta per i bambini con malattia di Crohn da lieve a moderata?


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Una dieta di esclusione specifica per la malattia di Crohn (CDED) in associazione a nutrizione enterale parziale (PEN) è meglio tollerata nella nutrizione enterale esclusiva (EEN) in pazienti pediatrici con malattia da lieve a moderata.
  • Il regime CDED+PEN è inoltre più efficace nel mantenimento della remissione e nella riduzione dell’infiammazione a 12 settimane.
  • La strategia CDED+PEN potrebbe essere utile per indurre remissione nei pazienti pediatrici con malattia di Crohn da lieve a moderata.

Descrizione dello studio

  • Lo studio prospettico di 12 settimane ha coinvolto bambini con malattia di Crohn (CD) da lieve a moderata.
  • I bambini sono stati divisi in gruppi: il gruppo 1 ha ricevuto CDED + il 50% delle calorie da una formula (Modulen, Nestlé) per 6 settimane (stadio 1) seguite da CDED con 25% PEN dalla settimana 7 alla 12 (stadio 2) (n=40).
  • Il gruppo 2 (n=38) ha ricevuto nutrizione enterale completa per 6 settimane seguita da dieta libera con 25% PEN dalla settimana 7 alla 12.
  • Tutti i pazienti sono stati valutati al basale e alle settimane 3, 6 e 12 e sono state effettuate analisi di laboratorio, oltre che analisi di sequenziamento dell’RNA ribosomiale 16S (V4V5) dai campioni di feci.
  • L’endpoint primario era la tollerabilità del regime alimentare.
  • Gli endpoint secondari (sulla popolazione per intention to treat, ITT) includevano la remissione alla settimana 6 (punteggio nell’indice pediatrico di attività della CD inferiore a 10) e remissione sostenuta e libera da corticosteroidi alla settimana 12.
  • Fonte di finanziamento: Nestlé Health Science ha fornito la formula per la nutrizione enterale.

Risultati principali

  • Nell’analisi per la remissione sono stati inclusi 74 pazienti di età media pari a 14,2 anni.
  • La combinazione CDED + PEN è risultata tollerata nel 97,5% dei bambini, mentre la EEN nel 73,6% (P=0,002; odds ratio [OR] per tolleranza di CDED + PEN: 13,92).
  • Alla settimana 6, il 75% dei bambini del gruppo 1 era in remissione libera da corticosteroidi vs il 59% di quelli del gruppo 2 (P=0,38).
  • Alla settimana 12, le percentuali si sono attestate, rispettivamente sul 75,6% e sul 45,1% (P=0,01; OR per la remissione nel gruppo 1: 3,77).
  • Nei bambini del gruppo 1, la remissione libera da corticosteroidi è risultata associata a riduzioni sostenute nell’infiammazione (in base ai livelli sierici di proteina C-reattiva e a quelli fecali di calprotectina) e dei Proteobacteria fecali.

Limiti dello studio

  • La guarigione della mucosa intestinale non è stata valutata direttamente per via endoscopica entro tre mesi.

Perché è importante

  • Dieta e disbiosi sono fattori chiave nella patogenesi della malattia di Crohn.
  • La EEN è raccomandata come prima opzione per la remissione in bambini con la patologia, ma non è semplice portarla a termine poichè prevede l'esclusione completa di tutti gli altri cibi per 6-8 settimane.
  • Altri regimi alimentari che permettono di evitare selettivamente gli alimenti potenzialmente più pericolosi in termini di induzione della disbiosi potrebbero rivelarsi efficaci e meglio tollerati.