Puglia, approvato potenziamento rete ospedali e posti letto intensiva


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Bari, 10 lug. (Adnkronos Salute) - La Giunta regionale della Puglia ha approvato il potenziamento della rete ospedaliera, come previsto dal Decreto Rilancio dopo l’emergenza Covid. Con il provvedimento si vuole garantire anche un incremento dell’offerta sanitaria, nell’ipotesi di una eventuale recrudescenza della pandemia. "Stiamo lavorando -ha detto il presidente Michele Emiliano - ad ampliare l’offerta di salute per affrontare, anche grazie al lavoro della task force, ogni possibile peggioramento della situazione epidemica, in modo da non mettere in difficoltà gli ospedali e per garantire cure di alto livello a tutti i cittadini pugliesi, pur sapendo che la prevenzione e il distanziamento sociale sono i nostri migliori alleati".

In via prioritaria sono stati incrementati i posti letto di Terapia intensiva per un numero complessivo pari a 275. L’ incremento prevede l’attribuzione dei posti letto non solo agli ospedali individuati per il trattamento dei pazienti Covid, ma anche agli ospedali insistenti sul territorio regionale (Dea, dipartimento emergenza urgenza, di I Livello ed ospedale di Base), al fine di potenziare l’attività chirurgica di ‘elezione’.  Inoltre, sono stati individuati 282 posti letto di area medica in terapia semi intensiva, previsti prevalentemente in ospedali dedicati al trattamento dei pazienti Covid.

Si è provveduto a riorganizzare la rete emergenza-urgenza ospedaliera. Con particolare riferimento ai Dea di II e I livello dovranno essere riorganizzati e ristrutturati i Pronto Soccorso "con l’obiettivo prioritario – spiega la Regione - di separare i percorsi e creare aree di permanenza dei pazienti in attesa di diagnosi che garantiscano i criteri di separazione e sicurezza". Il tempo di permanenza in attesa di ricovero deve essere ridotto al minimo, anche in considerazione alle esigenze di distanziamento tra i pazienti durante le procedure diagnostico-terapeutiche, al fine di evitare il sovraffollamento e di non provocare rallentamento o ritardi della gestione della fase pre-ospedaliera del soccorso sanitario. Deve essere garantita la separazione dei percorsi rendendola definitiva.

In Pronto Soccorso devono essere previsti ambienti per l’isolamento e il bio-contenimento dei pazienti, con sale appositamente dedicate, anche in ambito pediatrico. Infine, è stato previsto il potenziamento della rete ospedaliera, incrementando i posti letto per acuti, riabilitazione e lungodegenza, fino al raggiungimento dello standard massimo previsto dal Decreto ministeriale 70 del 2015. Si vuole così raggiungere lo standard massimo ministeriale, incrementando ulteriormente i posti letto già programmati e cioè 474 posti letto di acuzie; 123 posti letto di riabilitazione; 658 posti letto di lungodegenza. "Si procederà con successivo provvedimento di Giunta regionale – conclude la Regione - all’attribuzione dei posti letto per singola struttura, pubblica o privata accreditata, privilegiando una programmazione per Area Vasta".