Progetti Pnrr per Asl Roma 5, D'Amato 'nuovi ospedali e tecnologie'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 3 feb. (Adnkronos Salute) - "Abbiamo davanti a noi una stagione di grandi investimenti e una grande sfida finanziata e che ora dobbiamo vincere tutti insieme facendo squadra. Dobbiamo pensare e realizzare una nuova sanità che guarda ai bisogni delle persone e dei territori. Nuovi ospedali, ma anche sanità del territorio e nuove tecnologie per una offerta di prossimità che permetterà alle persone di percepire un reale cambio di passo". Così l'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato, che oggi ha presentato gli investimenti del Pnrr e del piano nazionale investimenti complementari al Pnrr nella ASL Roma 5, Tivoli-Monterotondo-Subiaco-Guidonia.

Attivazione di 22 Case della comunità, di 6 ospedali di comunità e 8 Centrali operative territoriali. L’adeguamento sismico degli ospedali e il rafforzamento tecnologico della rete ospedaliera con l’acquisto di 15 nuove apparecchiature di ultima generazione. Questo in rapida sintesi il piano relativo ai primi investimenti.

"Il Piano che abbiamo presentato oggi dà l’idea della grande trasformazione che subirà il nostro sistema sanitario attraverso l’innovazione tecnologica e la riorganizzazione delle cure, consentendoci di avvicinarci sempre di più ai bisogni di salute dei cittadini – ha spiegato il direttore generale della Asl Roma 5, Giorgio Giulio Santonocito - per rendere l’assistenza sanitaria e sociosanitaria di prossimità soprattutto in un territorio complesso ed eterogeneo come quello della Asl Roma 5. Grazie ai fondi del Pnrr la presenza di presidi sanitari sul territorio si moltiplicherà”.

L’iniziativa promossa dalla Regione Lazio "ha messo in evidenza come cambierà e si evolverà il sistema sanitario locale. L’investimento fa parte del più ampio piano riorganizzativo della sanità laziale che vede impegnati 700 milioni di euro fino al 2026. Il territorio si trasformerà così in porta di accesso alle cure e perno intorno a cui costruire risposte adeguate ai bisogni di salute della comunità".