Previsione della sopravvivenza nel tumore colorettale in stadio avanzato con deficit di riparazione del mismatch/alta instabilità microsatellitare

  • Tan E & al.
  • Oncologist

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Le caratteristiche cliniche e molecolari sembrano possedere un valore prognostico nel tumore colorettale (colorectal cancer, CRC) metastatico con deficit di riparazione del mismatch (mismatch repair-deficient, MMR-D)/alta instabilità microsatellitare (microsatellite instability-high, MSI-H).

Perché è importante

  • Si prevede che entro il 2040 il CRC diventerà la seconda causa principale di morte correlata a tumore nei soggetti di età compresa tra 20 e 49 anni.
  • La malattia con MMR-D o MSI-H è prevalente in questa popolazione.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, retrospettivo che ha utilizzato dati del mondo reale relativi a 1.101 pazienti affetti da CRC metastatico con MMR-D o MSI-H.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Le mutazioni di BRAF sono risultate più comuni nelle donne, nei pazienti di età >50 anni, nei pazienti con RAS wild-type (WT) rispetto a quelli con malattia con mutazioni di RAS e nel tumore del colon rispetto a quello rettale.
  • Anche la perdita dei geni MLH1/PMS2 rispetto ai geni MSH2/MSH6 è risultata più comune nelle donne, nei pazienti di età >50 anni, nei pazienti con RAS WT rispetto a quelli con malattia con mutazioni di RAS e nel tumore del colon rispetto a quello rettale.
  • I pazienti con mutazioni di BRAF hanno evidenziato una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) peggiore rispetto ai pazienti con BRAF WT (sopravvivenza mediana di 18,9 vs. 33,2 mesi; HR=1,52; P<0,001).
  • I pazienti meno giovani (età >50 anni) hanno evidenziato una OS inferiore rispetto ai pazienti più giovani (sopravvivenza mediana di 21,4 vs. 38,7 mesi; HR=1,66; P<0,001).
  • Le mutazioni di BRAF e l’età sono rimasti predittori significativi dell’OS nell’analisi multivariata.
  • Le mutazioni di RAS e specifiche alterazioni della MMR non sono risultate associate alla OS.

Limiti

  • Studio retrospettivo.
  • Non sono stati inclusi altri potenziali biomarcatori, come la lateralità.