Prevenzione legionella, accordo Arpac-Rummo Benevento


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Benevento, 13 feb. (AdnKronos Salute) - E' stata rinnovata la convenzione tra Arpac (Agenzia regionale per la protenzione ambientale della Campania) e ospedale 'Gaetano Rummo' di Benevento per il monitoraggio della legionella all'interno degli impianti del nosocomio. E' un'attività che viene svolta ogni anno - sottolinea l'Arpac - per evitare che all'interno degli ambienti ospedalieri possa essere contratto il 'morbo del legionario', una malattia infettiva che in casi particolari può avere esiti letali.

Nell'arco del 2018 - si legge nella nota - l'Agenzia preleverà 230 campioni di varie matrici ambientali, tra cui 200 campioni di acqua degli impianti idrici, per controllare se nelle condutture e in altri impianti dell'ospedale possa annidarsi la legionella, il batterio responsabile della legionellosi. L'accordo, che ha durata annuale, è stato stipulato dai due enti per la prima volta nel 2003: all'Agenzia ambientale spettano campionamenti e analisi, all'azienda ospedaliera tocca stilare il piano di sorveglianza ed effettuare eventuali misure di bonifica. Il rinnovo della convenzione con il Rummo è stato voluto dal direttore generale del nosocomio beneventano, Renato Pizzuti, e dal commissario straordinario dell'Arpac, Stefano Sorvino, "in ragione della valenza di questo accordo che contribuisce a rafforzare la prevenzione sanitaria in ospedale".

L'Agenzia, con il suo Laboratorio di riferimento regionale per la legionellosi, diretto da Anna Maria Rossi e situato a Salerno, collabora alla sorveglianza ambientale preventiva della legionella in diverse strutture sanitarie campane, tra cui l'azienda ospedaliera Giuseppe Moscati di Avellino e i presidi ospedalieri dell'Asl di Salerno.