Presidenza Aifa, una terna di nomi per sbloccare lo stallo


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 5 mar. (AdnKronos Salute) - La chiave per sbloccare lo stallo sulla presidenza dell'Agenzia italiana del farmaco, a quasi 7 mesi dall'addio di Stefano Vella, potrebbe celarsi in una terna di nomi da presentare al ministro della Salute Giulia Grillo. A quanto apprende l'Adnkronos Salute, a Lungotevere Ripa sarebbe gradita qualche proposta alternativa in aggiunta al nome di Antonio Saitta, indicato il 20 dicembre scorso dalla Conferenza delle Regioni.

Le nomine si concordano, trapela dal dicastero guidato da Giulia Grillo. E se di prassi il direttore generale viene scelto proprio dal ministero della Salute - come è accaduto anche con il successore di Mario Melazzini, Luca Li Bassi - in genere la presidenza viene indicata dalle Regioni. In passato al ministro è stata presentata una rosa di nomi, una terna fra cui selezionare il presidente. Un po' come accadde con Stefano Vella, scelto dall'allora ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, all'interno di una rosa di nomi indicati dalle Regioni. A questo punto l'indicazione di altri due nomi, magari non di derivazione politica, da affiancare a Saitta, potrebbe essere la chiave per chiudere la partita della presidenza Aifa.