Possibile aumento dei livelli degli enzimi epatici associato a trattamento con amlodipina

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Possibile aumento dei livelli degli enzimi epatici associato a trattamento con amlodipina

A cura di Alessandra Russo. Specialista in Tossicologia Medica. Messina

Caso clinico

Un uomo di 47 anni giunto al Pronto Soccorso presentava senso di debolezza al lato sinistro a livello dell’arto superiore e di quello inferiore, disartria e paralisi facciale. I valori della pressione erano 213/117 mmHg, che diminuirono a seguito dell’infusione di labetalolo e somministrazione di idralazina.

L’uomo era iperteso da due anni, ma non seguiva la terapia che gli era stata prescritta a base di enalapril. Non aveva una storia di infezioni recenti, nè consumava alcolici.

La TAC effettuata in ospedale rivelò la presenza di sanguinamento a livello dei gangli basali a destra (5 × 2 cm2).

Poichè i valori pressori andavano migliorando, la somministrazione di labetalolo e idralazina venne interrotta. La pressione fu mantenuta con enalapril in compresse.

Il quarto giorno di ricovero, fu iniziato un trattamento con amlodipina (5 mg).

- Scarica il documento completo in formato PDF dal link presente a fondo pagina
- Riproduzione riservata e per uso personale