Portatrici di mutazioni di BRCA1/2 affette da tumore mammario in stadio pT1: dimensioni inferiori del tumore sono collegate a una migliore OS in una coorte olandese

  • van Barele M & al.
  • Breast Cancer Res Treat

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Uno studio di coorte olandese indica che dimensioni inferiori del tumore mammario in stadio pT1 con mutazioni di BRCA1/2 sono associate a una migliore sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) a 10 anni.
  • I tumori di dimensioni inferiori sono associati anche a un minore coinvolgimento linfonodale.

Perché è importante

  • L’individuazione precoce è la base logica dei programmi di screening di BRCA1/2, ma questa giustificazione è stata analizzata solo recentemente.
  • Questo studio di coorte suggerisce che la giustificazione dello screening è corretta; quanto prima il tumore viene identificato, tanto migliore è la sopravvivenza.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, retrospettivo utilizzando un programma di screening di BRCA1/2 presso 8 centri universitari olandesi e il Netherlands Cancer Institute (Hereditary Breast and Ovarian Cancer Research Group Netherlands).
  • La coorte ha incluso 963 donne affette da tumore mammario in stadio pT1 associato a BRCA1/2, diagnosticato tra il 1990 e il 2017.
  • Finanziamento: Dutch Cancer Society; altri.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 10,5 anni.
  • Nelle pazienti senza coinvolgimento linfonodale e non trattate con chemioterapia, dimensioni maggiori del tumore sono risultate collegate a una OS a 10 anni peggiore:
    • stadio pT1c, 77,1% (riferimento);
    • stadio pT1b, 90,8% rispetto a 77,1%; P=0,024;
    • stadio pT1a, 91,4% rispetto a 77,1%; P=0,08.
  • L’OS è migliorata con la chemioterapia (rispetto a mancata chemioterapia):
    • stadio pT1c, 91,6% rispetto a 77,1% con stadio pT1a; P=0,001;
    • stadio pT1b, 100% rispetto a 77,1% con stadio pT1a; P=0,11.
  • Il coinvolgimento linfonodale è aumentato all’aumentare delle dimensioni del tumore:
    • 8,6% con stadio pT1a;
    • 18,8% con stadio pT1b;
    • 24,9% con stadio pT1c.

Limiti

  • Disegno retrospettivo osservazionale.