Pneumotorace spontaneo primitivo

  • Antonello Viti De Angelis
  • Linee Guida
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SICT Societa' Italiana di Chirurgia Toracica

Pneumotorace spontaneo primitivo

Linea guida pubblicata nel Sistema Nazionale Linee Guida SNLG il 18 maggio 2022

Il termine “pneumotorace” venne coniato nei primi anni dell’ottocento da Itard e Laennec con particolare riferimento ai pazienti affetti da tubercolosi; Kjærgaard nel 1932 introdusse la moderna classificazione dello pneumotorace definendo come “pneumotorace spontaneo primitivo” (PSP) la presenza di aria nel cavo pleurico senza un’apparente patologia polmonare o traumatica sottostante (1). La definizione attuale di “pneumotorace secondario” invece indica la raccolta improvvisa di aria nel cavo pleurico in pazienti che presentano una patologia polmonare pre-esistente (broncopneumopatia cronica ostruttiva, fibrosi cistica, ecc.). Il termine “pneumotorace post-traumatico” prevede una chiara correlazione fra il PSP e un trauma toracico chiuso o aperto. Il termine “pneumotorace iatrogeno” definisce uno pneumotorace che consegue ad una manovra medica sugli organi toracici

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina