Piemonte, sindacati a Palazzo Lascaris chiedono stabilizzazione precari

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Torino, 13 apr. (Adnkronos Salute) - Stabilizzare i precari della sanità e sensibilizzare il Governo, per evitare un ulteriore peggioramento dei servizi sanitari. Il pericolo concreto è che molti professionisti formati in questi anni in Piemonte, vadano poi a lavorare in Lombardia o Val d’Aosta, regioni che stanno assumendo. Questa, in sintesi, la richiesta delle organizzazioni sindacali piemontesi che, nel corso dell'audizione dai capigruppo del Consiglio regionale sulla situazione dei precari in sanità, hanno suggerito di utilizzare il cosiddetto 'decreto Calabria' per aumentare gli organici. Alla seduta, presieduta dal presidente di Palazzo Lascaris, Stefano Allasia, , ha partecipato una delegazione sindacale di Cgil, Cisl, Uil, guidata dai rispettivi segretari generali, Giorgio Airaudo, Alessio Ferraris e Giovanni Cortese.All'incontro erano presenti anche gli assessori regionali al Bilancio e alla Sanità, Andrea Tronzano e Luigi Icardi.

“Non conviene abbassare la guardia – ha osservato Cortese -, l’emergenza Covid con 56mila positivi e 700 ricoverati non è ancora conclusa, intanto in questi due anni si sono ulteriormente allungate le liste d’attesa. È necessario fare ogni sforzo possibile per stabilizzare gli oltre 5mila operatori precari del circuito della sanità”. Secondo Ferraris, “dopo anni di drastici tagli alla rete ospedaliera è ora di migliorare i servizi territoriali, come previsto anche nella missione 6 del Pnrr. Per fare questo si richiede personale adeguato numericamente e sotto il profilo delle competenze. È necessario stabilizzare i precari e prevedere delle proroghe per chi non avesse i requisiti”.

“È necessario un incremento strutturale degli organici – ha detto Airaudo - dato che il piano di rientro tra il 2010 e il 2016 ha pesantemente ridimensionato il personale. Non possiamo indebolire il servizio sanitario regionale, lasciare senza lavoro degli operatori e penalizzare ulteriormente il personale che rimane in servizio con altri aumenti dei carichi di lavoro. Indispensabile che l’Assemblea faccia tutto quello che può in sede di bilancio, altrimenti molti andranno a lavorare in altre Regioni, dopo che il Piemonte li ha formati”.