Persistono disparità razziali nell’NSCLC allo stadio iniziale

  • Clin Lung Cancer

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Afro-americani (AA) e indiani d’America (American Indian, AI) presentano una probabilità significativamente inferiore di essere sottoposti a trattamento chirurgico per tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) allo stadio iniziale rispetto ai pazienti caucasici (C) e agli isolani dell’Asia-Pacifico (Asian Pacific Islander, API) ed evidenziano una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) e una sopravvivenza tumore-specifica (cancer-specific survival, CSS) a 2 anni significativamente inferiori.

Perché è importante

  • Nonostante gli sforzi per ridurre le disparità sanitarie tra i pazienti con NSCLC, le disparità razziali persistono.

Disegno dello studio

  • 62.213 pazienti con diagnosi di NSCLC in stadio I del database Surveillance, Epidemiology, and End Results.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • I pazienti AA e AI presentavano una probabilità significativamente inferiore di ricevere trattamento chirurgico rispetto ai pazienti C e API (rispettivamente 56% e 58% vs. 67% e 72%; P
  • I pazienti AA presentavano una probabilità maggiore di astenersi dal trattamento locale rispetto ai pazienti C (18% vs. 11%; P
  • Rispetto ai pazienti C e API, i pazienti AA e AI evidenziavano una OS a 2 anni (70% per C, 65% per AA, 60% per AI e 76% per API; P
  • Secondo l’analisi multivariabile i pazienti AI possedevano l’OS peggiore (aHR: 1,33; P=0,0194) e i pazienti API quella migliore (aHR: 0,80; P

Limiti

  • Studio retrospettivo.