Per il rischio di HCC, entecavir o tenofovir?

  • Tseng CH & al.
  • Lancet Gastroenterol Hepatol
  • 29/09/2020

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Entecavir e tenofovir possiedono un’efficacia simile nel ridurre il rischio di sviluppare il carcinoma epatocellulare (hepatocellular carcinoma, HCC).

Perché è importante

  • La scelta tra entecavir e tenofovir deve essere effettuata in base al costo e alla tollerabilità piuttosto che all’efficacia nel prevenire l’HCC.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 31 studi (n=119.053).
  • Finanziamento: E-DA Hospital.

Risultati principali

  • L’incidenza a 5 anni di HCC era del 5,97% con entecavir (28 studi, n=86.855) e del 3,06% con tenofovir (13 studi, n=28.946; P
  • In 8 studi che hanno effettuato l’appaiamento in base all’indice di propensione, l’incidenza cumulativa a 5 anni di HCC era del 3,44% con entecavir (n=19.702) e del 3,39% con tenofovir (n=16.266; P=0,87).
  • Una metanalisi di 14 studi comparativi non ha evidenziato alcuna differenza significativa tra tenofovir ed entecavir in termini di rischio di HCC (HR: 0,88; P=0,20).
    • Gli studi presentavano eterogeneità significativa (I2=56,4%; P=0,0038).
  • Una sottoanalisi delle coorti ospedaliere non ha evidenziato alcuna differenza tra i 2 regimi (HR corretto: 1,03; IC 95%: 0,88-1,21; I2=0%).
  • Tenofovir è risultato associato a un rischio inferiore di HCC negli studi che hanno utilizzato database amministrativi (HR: 0,67; IC 95%: 0,59-0,76; I2=0%).

Limiti

  • Tutti gli studi erano osservazionali.
  • Molti studi hanno coinvolto partecipanti di origine asiatica.