Per curare la faringotonsillite da streptococco di gruppo A, 5 giorni di antibiotico sono sufficienti


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Uno studio svedese mostra che nei pazienti con faringotonsillite causata da streptococchi del gruppo A, una terapia a base di penicillina V per 5 giorni alla dose di 800 mg 4 volte al giorno è non-inferiore nei risultati clinici a quella raccomandata della durata di 10 giorni con 1.000 mg 3 volte al giorno.
  • La differenza del tasso di guarigione clinica è di 3,7 punti percentuali con un vantaggio del gruppo in terapia più a lungo lungo.
  • Con il trattamento di 5 giorni si ha minore eradicazione batterica ma più veloce risoluzione dei sintomi, meno casi di nuove tonsilliti e complicanze, simile numero di ricadute e più breve durata degli eventi avversi.

Descrizione dello studio

  • Lo studio di fase IV ha incluso pazienti (≥6 anni) in 17 centri sanitari primari in Svezia (2015-2018) con faringotonsillite causata da uno streptococco del gruppo A, 3 o 4 criteri di Centor (febbre ≥38,5°C, linfonodi teneri, patina sulle tonsille, assenza di tosse).
  • I partecipanti sono stati randomizzati a una terapia con penicillina V: 800 mg 4 volte al giorno per 5 giorni o 1.000 mg 3 volte al giorno per 10 giorni (dose raccomandata).
  • Outcome primario: guarigione clinica 5-7 giorni dopo la fine del trattamento (margine di non-inferiorità prespecificato pari a 10 punti percentuali).
  • Fonti di finanziamento: Public Health Agency svedese.

Risultati principali

  • Sono stati randomizzati 433 pazienti: 215 gruppo di terapia per 5 giorni e 218 gruppo per 10 giorni.
  • La guarigione clinica nella popolazione per protocollo (n=397) è stata di 89,6% (181/202) nel gruppo trattato per 5 giorni e di 93,3% (182/195) in quello per 10.
  • La differenza del tasso di guarigione clinica è stato di 3,7 punti percentuali (IC 95% da -9,7 a 2,2) con un vantaggio nel gruppo trattato per 10 giorni.
  • La non-inferiorità del trattamento per 5 giorni è stata supportata dalle analisi nella popolazione intention-to-treat modificata (n=422).
  • Nell’80,4% (156/194) dei pazienti nel gruppo trattato per 5 giorni e nel 90,7% (165/182) in quello di 10 c’è stata eradicazione batterica.
  • Nel gruppo di 5 e in quello di 10 giorni ci sono stati rispettivamente: 8 e 7 pazienti con ricadute, nessuno e 4 pazienti con complicanze, 6 e 13 pazienti con nuova tonsillite in 3 mesi.
  • Il tempo al primo giorno di sollievo dai sintomi è stato più breve nel gruppo assegnato ai 5 giorni di terapia (P
  • Non ci sono stati eventi avversi gravi, mentre i più comuni sono stati diarrea, nausea, perdite e prurito vulvovaginali.
  • Gli eventi avversi hanno avuto una durata maggiore nel gruppo di 10 giorni.

Limiti dello studio

  • Assenza di doppio cieco.
  • Mancanza di informazioni sugli esiti batteriologici a lungo termine.

Perché è importante

  • In Svezia, le prescrizioni di antibiotici per il mal di gola rappresentano l’11% del totale.
  • L'aumento della resistenza agli antibiotici e la carenza di nuovi agenti antimicrobici sottolineano l'importanza di ottimizzare l'uso dei farmaci esistenti.
  • Il trattamento breve può essere una valida alternativa a quello attualmente raccomandato e potrebbe ridurre sostanzialmente il consumo totale di penicillina V nei paesi che seguono le linee guida dell’European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases.