Pembrolizumab è una buona opzione per l’NSCLC con PS 2

  • Middleton G & al.
  • Lancet Respir Med
  • 19/03/2020

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Pembrolizumab è sicuro ed efficace come terapia di prima linea o linea successiva per pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato e stato di validità (performance status, PS) 2 e offre esiti simili a quelli osservati in studi precedenti in pazienti con PS 0-1.

Perché è importante

  • Le sperimentazioni cliniche di pembrolizumab hanno incluso solo pazienti affetti da NSCLC con PS 0-1, anche se circa il 18% di tutti i pazienti affetti da NSCLC presenta PS 2.
  • Attualmente nel Regno Unito il trattamento standard per questi pazienti prevede chemioterapia a base di carboplatino come trattamento di prima linea e docetaxel come terapia di seconda linea o linea successiva.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione multicentrica di fase 2.
  • 60 pazienti con NSCLC in stadio avanzato e PS 2 hanno ricevuto pembrolizumab.
  • Finanziamento: MSD.

Risultati principali

  • Follow-up mediano di 10 mesi.
  • Il 40% dei pazienti ha ricevuto pembrolizumab come terapia di prima linea.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana era di 4,4 mesi; la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana era di 9,8 mesi.
  • Il 37% dei pazienti ha riportato un beneficio clinico duraturo ([durable clinical benefit, DCB]; il 38% come terapia prima linea; il 36% come terapia di seconda linea o linea più avanzata).
  • Il DCB era maggiore nei pazienti con punteggio di proporzione del tumore (tumor proportion score, TPS) maggiore (22% con TPS
  • Il tasso di risposta obiettiva era complessivamente del 27% (31% nei pazienti già trattati in precedenza e 21% nei pazienti naïve al trattamento).
  • Il 28% dei pazienti ha accusato tossicità, definita come un rinvio della dose o l’interruzione del farmaco.
  • Non è stato osservato alcun evento avverso di grado 5.

Limiti

  • Studio a braccio singolo, in aperto.